DAL MONDO

La Nuova Zelanda sospende il trattato di estradizione con Hong Kong

SYDNEY. Anche la Nuova Zelanda ha sospeso il suo trattato di estradizione con Hong Kong in risposta alla nuova legge sulla sicurezza imposta dalla Cina sul territorio semi-autonomo. La decisione segue simili iniziative prese da parte degli altri membri dell’alleanza di intelligence ‘Five Eyes’ (Usa, Australia, Canada e Regno Unito). Secondo il ministro degli Esteri neozelandese, Winston Peters, la nuova legge sulla sicurezza è contraria agli impegni assunti dalla Cina nei confronti della comunità internazionale.

    “La Nuova Zelanda non può più fidarsi del fatto che il sistema giudiziario penale di Hong Kong sia sufficientemente indipendente dalla Cina”, ha affermato Peters in un comunicato.  La Nuova Zelanda ora tratterà le esportazioni militari e tecnologiche verso Hong Kong nello stesso modo in cui tratta tali esportazioni verso la Cina, mentre sono stati aggiornati gli avvisi di viaggio, per avvertire i neozelandesi dei rischi a cui sarebbero esposti con la nuova legge, ha precisato il ministro.  L’ambasciatore cinese a Wellington Wu Xi ha preannunciato una risposta formale alle dichiarazioni del ministro Peters. All’inizio di luglio, quando la Nuova Zelanda aveva preso in esame la misura, l’ambasciata cinese aveva pubblicato un comunicato in cui esortava a “smettere di interferire negli affari di Hong Kong e negli affari interni della Cina, e ad astenersi dal proseguire sulla strada sbagliata”.(

Articoli Correlati