AMBIENTEDAL MONDOԑ PRIMO PIANO

La Siberia è in fiamme, a fuoco un’area vasta come la Danimarca

La foresta della Siberia sta andando letteralmente in fumo, un numero vasto di incendi sta imperversando taiga russa, più precisamente nella regione di Krasnoyarsk. Nonostante le autorità russe abbiano dichiarato di aver intensificato gli sforzi per combattere gli incendi, il fenomeno sembra non voler diminuire.

Nei giorni scorsi il servizio di protezione forestale russo ha dichiarato che sta combattendo 161 incendi su 140.000 ettari (350.000 acri) di foresta. Ma ha rinunciato all’intervento sui restanti 295 incendi, delle dimensioni di oltre 2,4 milioni di ettari, etichettati come “territori lontani o difficili da raggiungere”. Zone che in questo momento vengono monitorate solamente dall’alto.

siberia in fiamme

Le autorità forestali hanno ipotizzato che gli incendi potrebbero essere stati causati da un fulmine, mentre il vice ministro dell’emergenza Igor Kobzev ha dichiarato lunedì scorso che “la maggior parte degli incendi sono iniziati vicino alle strade” e quindi sono stati causati da esseri umani. Alcune persone del posto sono convinti che i colpevoli siano le aziende che tagliano legname nella taiga.

Nel 2015 il ministero dell’Ambiente ha emanato un decreto che consentiva alle regioni di ignorare gli incendi se “il costo atteso per combattere gli incendi supera i danni previsti“. Inoltre secondo alcuni esperti le reti regionali di prevenzione incendi sono sottofinanziate, ricevendo solo il 10% delle risorse economiche necessarie.

Gli incendi stanno interessando un’area di 4,3 milioni di ettari di vegetazione, un’area più vasta della Danimarca. Inoltre all’inizio dell’anno sono stati bruciati in totale 13,1 milioni di ettari, una superficie pari a quella della Grecia. Inoltre sono particolarmente pericolosi per il clima in quanto sono la principale fonte di carbonio che si deposita sul ghiaccio artico e ne accelera lo scioglimento. attraverso questo fenomeno sono state prodotte nell’atmosfera più di 166 Mt di particelle di CO2, pari a quelle emesse da 36 milioni di auto in un anno.

La Siberia non è nuova a questo genere di fenomeni, che si verificano ogni anno. Sfortunatamente per le persone, la flora e la fauna russa, oltre che del pianeta intero, l’entità di questa tragica estate ha raggiunto dimensioni e intensità senza precedenti.

siberia in fiamme

Questi incendi sarebbero dovuti essere spenti sin dall’inizio, ma sono stati ignorati a causa delle politiche inadeguate. Ora il tutto si è trasformato in una catastrofe climatica che non può essere fermata ”, a dichiararlo Anton Beneslavskiy, esperto di incendi boschivi di Greenpeace Russia e pompiere volontario. “La Russia dovrebbe aumentare gli sforzi nella protezione delle foreste e fornire finanziamenti sufficienti per la lotta antincendio e la prevenzione degli incendi. Il problema degli incendi dovrebbe essere affrontato a livello internazionale negli accordi climatici globali per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 ° C.

Greenpeace Russia afa sapere che molto probabilmente la situazione nelle prossime due settimane rimarrà “catastrofica” a causa delle condizioni meteorologiche. Mentre il fumo, spazzato via dal vento nelle principali città siberiane, avvolge ancora molti insediamenti nelle aree forestali remote.

Sono numerose le foto e i video pubblicati sui social network taggati con la scritta “Siberia is burning” che mostrano città avvolte nel fumo, con numerose lamentele per l’immobilismo da parte del governo. Una petizione su Change.org che chiede di dichiarare lo stato di emergenza in tutta la Siberia ha raccolto oltre un milione di firme. Mentre una petizione separata chiede misure per aiutare gli animali selvatici nelle zone colpite.

Alcuni significativi tweet sugli incendi in Siberia

Mike Hudema avverte: ” Quasi 4 milioni di ettari di foresta sono in fiamme in Siberia. È stato dichiatato lo stato di emergenza in 4 province russe. Grandi città sono coperte da una foschia tossica. Il cambiamento climatico è qui. Non esiste un pianeta B.

Mentre Ani Payan afferma: “La Siberia sta bruciando. Quasi 3,3 milioni di ettari in fiamme, compreso l’Artico, con fumi che hanno colpito l’area più vasta d’ Europa . Le autorità russe non sono ansiose di sedare gli incendi poiché pensano che non sia conveniente. Non posso accettarlo!

Greenpeace dichiara: “Immaginate un’area delle dimensioni della Svizzera in fiamme. Questo è ciò che sta accadendo nella foresta siberiana in questo momento.

Norbert Ciuccariello

Loading...

Articoli Correlati