CRONACHEԑ PRIMO PIANO

Manifestazioni contro le restrizioni, alcune irragionevoli, a Roma e Bari

ROMA. Disordini durante la protesta in piazza del Popolo al centro di Roma. Alla mezzanotte, con lo scattare del coprifuoco, quando gli è stato intimato di andar via i manifestanti hanno lanciato petardi e fumogeni contro le forze dell’ordine.

C’è stata una carica di alleggerimento e i manifestanti si sono dispersi verso piazzale Flaminio.  Incendiati anche alcuni cassonetti durante i disordini nel corso della manifestazione contro la “dittatura sanitaria e il coprofuoco”. Secondo quanto si è appreso da fonti di polizia, ci sarebbe qualche fermato.  Poche decine di persone si sono radunate dopo le 23 in piazza del Ferrarese a Bari vecchia per partecipare ad una manifestazione convocata su Facebook contro le misure anti Covid e in particolare le chiusure anticipate delle attività di ristorazione. Il gruppo ha atteso nella piazza, che è una di quelle molto frequentate di sera e dove è stato istituito dal sindaco il divieto stazionamento a partire dalle 21, e poi si è mosso verso il palazzo della Prefettura e il vicino palazzo del Comune seguito a distanza dalle forze dell’ordine. Nella piazza della Prefettura i manifestanti, molti senza mascherina o con mascherina abbassata, si sono fermati attendendo la mezzanotte e la chiusura di bar e ristoranti e l’arrivo dei ristoratori. Al gruppo si sono aggiunti alcuni gestori dei locali della città vecchia, appartenenti all’associazione ‘we in Bari Vecchia’, secondo i quali le chiusure anticipate rischiano di danneggiare in modo irreparabile le loro attività.

Articoli Correlati