CRONACHEԑ PRIMO PIANOԑ TOSCANA

Mostro Firenze, un legale si oppone all’archiviazione dell’ultimo omicidio

FIRENZE. Mostro di Firenze: otto duplici omicidi avvenuti fra il 1968 e il 1985 nella provincia di Firenze. La Procura nel luglio aveva chiesto l’archiviazione per gli ultimi due indagati Giampiero Vigilanti, 89 anni, ex legionario, e Francesco Caccamo un medico di 88 anni. Ora, il legale delle vittime dell’ultimo duplice omicidio, i francesi Nadine Mauriot e Jean Michel Kraveichvili uccisi a Scopeti nel settembre 1985, ha fatto al gip opposizione alla richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura. Musicista di 25 anni lui e commerciante di 36 anni lei, titolare di un negozio di calzature: avevano partecipato a una fiera del settore prima di ritrovarsi su quella tragica piazzola di sosta.

La scena del delitto avvenuto nel settembre 1985

“La richiesta di archiviazione non considera la nostra versione“, spiega l’avvocato Vieri Adriani, spiegando l’opposizione all’archiviazione della “pista del legionario”. E osserva che gli inquirenti “si sono limitati a verificare solo le dichiarazioni di Vigilanti, volutamente depistanti e provocatorie”. In verità, dall’esame, approfondito, sulla piccola tenda non sarebbero emersi elementi a carico degli ultimi indagati, l’ex legionario di Prato ed un medico del Mugello. Una ogiva di proiettile rinvenuta in un cuscino della tenda, un fazzolettino di carta contenente elemento organico ed un guanto in lattice, non hanno risposto a nessuna domanda utile, se non giustificare in qualche modo la loro presenza su un luogo che da anni oramai viene additato quale esempio di come non dovrebbe presentarsi la scena di un crimine.  La decisione sulla sorte di questo filone di indagini toccherà adesso al gip Angela Fantechi.

Loading...

Articoli Correlati