AMBIENTEԑ LAZIOԑ PRIMO PIANO

“Nasi” chimici per fiutare a distanza l’inquinamento

ROMA. Si può “fiutare” l’inquinamento? Si potrebbe. Initio – Innovative chemical sensors for enantioselective detection of chiral pollutants -, finanziato per circa tre milioni di euro nell’ambito del programma europeo Horizon2020, è un progetto ambizioso, al quale l’Italia partecipa in prima fila.

Prof. Roberto Paolesse

È, infatti, l’Università “Tor Vergata” di Roma, e precisamente il professor Roberto Paolesse, a coordinare un team di ricercatori europei nell’ambito di un partenariato internazionale tra Italia, Irlanda, Francia, Estonia, Finlandia, oltre alla partecipazione di due inprese private. A questi si aggiungono per l’Italia anche i ricercatori del gruppo di Chimica Fisica dell’Università del Salento.

L’obiettivo è quello di sviluppare sensori chimici innovativi, capaci di segnalare la presenza di pesticidi e inquinanti emergenti, il cui impatto ambientale è spesso sottovalutato. In parole più semplici si tratta di “nasi chimici” con il compito di monitorare e salvaguardare l’ambiente, tenendo conto che il progetto ha una durata di 36 mesi.

Gli inquinanti emergenti sono sostanze non ancora normate per legge, ma possono provocare effetti nocivi anche sulla salute umana.
Presenti in pesticidi, erbicidi, fungicidi, sostituti del freon, coloranti, idrocarburi policiclici aromatici, bifenili clorurati, antibiotici e in molti altri farmaci, questi inquinanti, al momento, hanno un impatto ambientale ancora sconosciuto.


Loading...
Tags

Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.

Articoli Correlati