DAL MONDO

Nuova autobomba a Kabul, tre morti accertati e trenta feriti

KABUL. Una potente esplosione ha scosso stamattina Kabul. Secondo la polizia locale un kamikaze a bordo di un’autobomba si è fatto saltare in aria in un’area affollata della capitale, dove si trovano uffici governativi e anche quelli dell’Unione Europea. Ci sarebbero almeno 79 feriti. “E’ un massacro”, ha subito commentato su Twitter l’ong Emergency: “I feriti arrivano in ospedale a decine”. I talebani hanno rivendicato l’attacco. Intanto l’aviazione americana ha diffuso i numeri delle operazioni compiute nel 2017 sul territorio afgano: 4300 le bombe sganciate contro talebani, guerriglieri Isis e altri nemici del governo di Kabul, il doppio dei raid realizzati nei due anni precedenti.

La forte esplosione provocata da un’autobomba che questa mattina ha scosso il quartiere orientale di Kabul vicino all’ambasciata americana, alla missione Resolute Support della Nato e ad altre missioni diplomatiche: lo ha reso noto il direttore di un ospedale locale. Questo attentato segue di pochi giorni quello al compound del Green Village, zona internazionale di Kabul dove abitano molti stranieri e sede di diversi uffici delle Nazioni Unite. Le vittime di quell’esplosione avvenuta con una dinamica simile sono salite ad almeno 16 e 119 la persone rimaste ferite. La tv locale Tolonews aveva fatto sapere che anche quell’attacco era stato rivendicato dai talebani, i quali volevano colpire le forze straniere.

Articoli Correlati