TURISMOԑ LAZIOԑ PRIMO PIANO

Palazzo del Quirinale tra storia, arredi lussuosi e magnifici giardini

ROMA. Elevato su un colle che nel tempo ha ospitato nuclei residenziali, soprattutto di tipo aristocratico – molte la residenze signorili tra cui quelle di Pomponio Attico, amico di Cicerone, della Gens Flavia, dei Claudi, di Fulvio Plauziano -, edifici pubblici, e di culto, sorge il Palazzo del Quirinale, dove ha sede la Presidenza della Repubblica italiana. Oltre a numerosi templi nel IV secolo a.C., sul colle si trovavano le terme di Costantino, e dall’antichità provengono i due gruppi scultorei dei Dioscuri, le statue virili della piazza che tengono per le briglie cavalli scalpitanti. L’altura, divisa dal Pincio e dal Viminale, era costituita da quattro colli, ma l’area, di enorme rilevanza strategica, fu nominata solo Quirinale.

Nei secoli al Quirinale passarono molti papi, e tra questi Clemente VIII (1592-1605), fece costruire la monumentale Fontana dell’organo, ornata di mosaici, stucchi, statue, e animata dal suono di un organo ad acqua. Ognuno contribuì ad arricchire l’architettura del luogo con la costruzione di diverse parti, come lo Scalone d’onore, il Salone delle Feste, il giardino, le cappelle, le fontane, gli appartamenti. Furono chiamati scultori, architetti, e anche pittori dai nomi prestigiosi, tra cui Gian Lorenzo Bernini e Guido Reni. Gli ultimi importanti interventi sul complesso del Quirinale e sulle sue adiacenze furono terminati nella prima metà del Settecento, e il palazzo risistemato, inoltre, per il soggiorno di Napoleone a Roma, che poi non avvenne.

Quirinale - Dioscuri
Quirinale – Dioscuri

Nel 1870, dopo la breccia di Porta Pia e l’annessione di Roma al Regno d’Italia, il Quirinale divenne residenza della famiglia reale. Trasformato da residenza papale in reggia con gusto neo-rococò, giunsero dalle regge italiane per arredarlo quadri, arazzi (261 oggi), mobili, ancora oggi visibili nel palazzo. Dopo il 1946 le strutture architettoniche del complesso del Quirinale e gli arredi interni sono rimasti inalterati e tutelati come patrimonio artistico. Diversamente, ma comunque patrimonio del Quirinale, sono i Corazzieri, le cui tracce rimandano a un corpo di Arcieri e Scudieri addetto alla sicurezza della residenza e degli esponenti della Casa Savoia nel XIV secolo, anche se fu sotto il ducato di Emanuele Filiberto Testa di Ferro (1553-1580) che si costituì una “Guardia d’Onore del Principe”.

Quirinale - Manica Lunga
Quirinale – Manica Lunga

Lo splendore della struttura è dato, inoltre, dai quattro ettari di giardini composti da numerose specie arboree, oltre alla magnificenza dei viali e del Boschetto. All’interno, i pezzi più antichi della collezione del Quirinale sono quattro carrozze, delle 105, della storia sabauda. Oggetti antichi come porcellane, statue, e orologi compongono gli arredi. Si trovano, infatti, una grande quantità di pendole in prevalenza francesi risalenti alla fine del XVII secolo e fino all’ultimo decennio dell’Ottocento, statue d’ispirazione divina e mitologica nei giardini, due urne in alabastro provenienti dalle collezioni estensi di Modena, mobilia di manifattura francese, console, finimenti di divani e poltrone, candelieri, e molto altro.

Simona Cocola

Loading...

Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.

Articoli Correlati