CRONACHEԑ PRIMO PIANO

Regioni più autonome nelle decisioni seguendo linea del governo sull’anticontagio

ROMA. Più potere decisionale alle Regioni, ma sul solco delle decisioni prese dal governo centrale. Le ordinanze locali delle singole Regioni sulle misure anti-contagio da Coronavirus potranno essere prorogate fino al 13 aprile, ma non potranno riguardare le attività produttive, sulle quali valgono a livello nazionale le direttive del governo.

L’indicazione, secondo quanto si apprende da fonti dell’esecutivo, è emersa al tavolo che si è svolto questa sera a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte e i governatori. E’ durato quasi tre ore a Palazzo Chigi l’incontro tra il premier Giuseppe Conte e i presidenti di Regioni sull’emergenza Coronavirus. Con il premier c’erano il sottosegretario Riccardo Fraccaro e i ministri Francesco Boccia e Roberto Speranza. Fonti di governo spiegano che si è ragionato delle ordinanze e delle misure che dovranno essere adottate in futuro, provando a lavorare insieme. Il clima, spiegano le stesse fonti, è stato “sereno e costruttivo”.

Articoli Correlati