DAL MONDOԑ PRIMO PIANO

San Francisco mette al bando le sigarette elettroniche

SAN FRANCISCO. Le sigarette elettroniche a San Francisco sono state messe al bando. Il suo consiglio comunale ha approvato una legge in seconda lettura; la sindaca, London Breed, ha annunciato di volerla firmare nei prossimi giorni. La legge entrerà in vigore sette mesi dopo la firma, salvo non intervenga la magistratura nel caso siano presentati ricorsi.

Il divieto è stato deciso in attesa di avere informazioni scientifiche più chiare sugli effetti sulla salute delle e-cigarettes e nel tentativo di limitare l’uso delle stesse tra i giovani. Tra l’altro, a San Francisco c’è la sede di “Juul Labs”, uno dei più grandi e famosi produttori di sigarette elettroniche negli Stati Uniti, da mesi al centro del dibattito sui potenziali rischi per la salute dei suoi prodotti e per il loro crescente successo tra gli adolescenti.

Chi critica la norma invece è preoccupato che sarà più complesso smettere di fumare le “bionde” vere, e – come scrive il “San Francisco Chronicle” – nota la contraddizione con la “glorificazione” del consumo di marijuana, diffusissima in città. D’altro canto, da tempo negli Usa c’è allarme per il boom nella diffusione delle sigarette elettroniche, un fenomeno che tra i giovanissimi ha assunto le proporzioni di quella che viene definita dalle autorità una vera e propria “epidemia”, soprattutto tra i teenager.

Loading...

Articoli Correlati