ATTUALITA'SCUOLAԑ PRIMO PIANO

Sopravissuta al crollo della scuola a S. Giuliano, si laurea in geologia con 110 e lode

PADOVA.  Sopravvissuta al terremoto di San Giuliano di Puglia del 31 ottobre del 2002, ha conseguito la laurea magistrale in “Geologia e Geologia Tecnica” con voto 110 e lode. Protagonista è Pia Antonietta Antignani, originaria del borgo in provincia di Campobasso in cui 17 anni fa una scossa di terremoto di magnitudo 5.7 causò la morte di 30 persone, 27 delle quali erano bambini della scuola elementare Jovine.

Pia Antonietta si è laureata all’Università di Padova discutendo una tesi dal titolo “Crystallographic orientations and timing relationships of clinopyroxene inclusions in diamond​”, relatore il professor Fabrizio Nestola. La laurea rappresenta il coronamento di un percorso di studi fatto di passione ed orgoglio ma, soprattutto, come lei stessa ha sempre ribadito, è stata indispensabile per dare un senso al suo essere sopravvissuta al terremoto del 31 ottobre 2002 che colpì San Giuliano di Puglia.

La scuola di San Giuliano di Puglia fu distrutta dal sisma nel 2002

Il terremoto del Molise del 2002 ebbe come epicentro un’area della provincia di Campobasso tra i comuni di San Giuliano di Puglia, Colletorto, Santa Croce di Magliano, Bonefro, Castellino del Biferno e Provvidenti. La scossa più violenta, alle 11.32 del 31 ottobre, ha avuto una magnitudo di 6.0 gradi della magnitudo momento, con effetti corrispondenti all’ottavo-novo grado della scala Mercalli. Durante il terremoto crollò una scuola a San Giuliano di Puglia: morirono 27 bambini e una maestra. Le indagini giudiziarie, portate a compimento dal procuratore della Repubblica presso il tribunale di Larino, Nicola Magrone, e sfociate in un processo, hanno stabilito che il crollo della scuola era stato determinato da responsabilità umane: costruttori, progettisti, tecnico comunale e sindaco dell’epoca sono stati definitivamente condannati dalla corte di cassazione il 28 gennaio 2010.

Giuseppe Muri

Giornalista pubblicista dagli Anni Ottanta, si occupa di cronaca e di costume. Ha lavorato per un lungo periodo nelle redazioni di testate locali piemontesi. Appassionato di storia, ha svolto alcune inchieste legate a fatti importanti che hanno caratterizzato il Novecento italiano.

Articoli Correlati