SALUTEԑ PRIMO PIANO

Tatuaggi, il ministero mette in guardia sui colori a rischio

ROMA. Attenzione ai pigmenti per tatuaggi rossi, gialli e arancioni e a quelli contenenti nerofumo, che possono contenere sostanze cancerogene. Lo segnala sul proprio sito il ministero della Salute. “I dati in nostro possesso indicano una quota non trascurabile di tatuaggi non conformi per presenza di ammine aromatiche – si legge -: questo dimostra che l’indagine condotta dal ministero della Salute è mirata e basata su un attento esame della letteratura scientifica; sappiamo infatti quali sono i colori e Color Index a maggior rischio e, quindi, quali indagare”

La scelta degli inchiostri da prelevare, precisa il ministero, si è orientata prioritariamente verso le tonalità rosse, gialle e arancioni e ha compreso anche gli inchiostri con pigmenti azoici in generale. Questi ultimi possono essere individuati in etichetta attraverso il Color Index (codice a 5/6 cifre preceduto dalle lettere CI): gli azo-pigmenti hanno i Color Index compresi nell’intervallo che va dal numero 11000 al numero 29999 (es. CI 12475 = pigmento azoico).

Per quanto riguarda la ricerca degli idrocarburi policiclici aromatici, anche essi cancerogeni gli inchiostri più a rischio sono quelli contenenti nerofumo (neri, grigi, argento etc.), in particolare quelli nei quali in etichetta viene indicato come Color Index 77266.

“I dati sulle notifiche Rapex (sistema comunitario di informazione rapida sui prodotti pericolosi non alimentari, ndr) testimoniano che l’Italia – specificano sempre dal ministero – è all’avanguardia rispetto agli altri Paesi europei nel settore del monitoraggio e controllo dei pigmenti per tatuaggi. Soltanto nel 2018 sono stati eseguiti, da parte dai Nas, più di 100 campionamenti presso i tatuatori”.

Articoli Correlati