DAL MONDOԑ PRIMO PIANO

Tennessee, terza esecuzione con la sedia elettrica

NASHVILLE. Negli Stati Uniti, in Tennessee, c’è stata un’altra esecuzione con sedia elettrica. E’ la terza dallo scorso novembre. A chiedere questo metodo era stato lo stesso condannato a morte – il 56enne Stephen West – il quale in precedenza non aveva espresso alcuna preferenza e in quel caso sarebbe stato giustiziato con una iniezione letale. West era stato condannato per l’uccisione di una donna e della figlia quindicenne nel 1986, omicidi di cui si era sempre dichiarato innocente.

Il caso ovviamente riaccende il dibattito – mai terminato – sulla pena capitale negli Stati Uniti. Molti governatori e politici negli ultimi anni hanno preso nettamente posizione contro l’esecuzione capitale costringendo il presidente Donald Trump ad intervenire per trovare un metodo per lasciare a Washington il controllo. La questione era tornata alla ribalta anche sui media internazionali pe la decisione del presidente di ripristinare le esecuzioni a livello federale, un provvedimento che costringe ad applicare la condanna anche gli Stati che hanno abolito o congelato la pena di morte.

Articoli Correlati