CRONACHEԑ PIEMONTEԑ PRIMO PIANO

Torino blindata per il corteo No-Tav, chiuso il Palazzo di Giustizia

TORINO. Ieri la Rete No Tav Roma ha manifestato con un blitz davanti al ministero della Giustizia aprendo uno striscione con scritto «Nicoletta libera tutti», distribuendo volantini e parlando con i passanti. «Siamo davanti a questo ministero che dovrebbe garantire la giustizia nel nostro paese e invece garantisce il privilegio di pochi e la repressione per chi resiste ai soprusi. Chiediamo libertà immediata per tutti gli arrestati nella lotta popolare contro il raddoppio della Torino-Lione» hanno dichiarato alcuni di loro. E oggi tocca a Torino. Il Palazzo di Giustizia sarà chiuso al pubblico, oggi a Torino, in vista della manifestazione No Tav nel centro città in solidarietà con Nicoletta Dosio, la 73enne attivista del movimento arrestata il 30 dicembre e gli altri No Tav finiti in carcere nelle scorse settimane. 

La chiusura “per ragioni di sicurezza” è stata decisa dal Procuratore Generale Francesco Saluzzo. Oggi, come detto, salteranno le udienze per direttissima e al Palagiustizia potrà entrare solo il personale del turno arrestati. I magistrati che devono andare in Tribunale devono fornire i nominativi in anticipo.  Il raduno per la manifestazione nazionale No Tav è previsto in piazza Statuto con il presidio e l’ammassamento dei partecipanti già da metà mattinata . Il corteo partirà dalle 13,30 da piazza Statuto: sono previste numerose modifiche anche alla viabilità. Durante le ore dello svolgimento della manifestazione Notav saranno deviate più di venti linee del trasporto pubblico che attraverserano piazza Statuto, corso San Martino, piazza XVIII Dicembre, via Cernaia, via Pietro Micca e piazza Castello. In particolare, dalle 13,30 alle 19, saranno modificati i percorsi delle linee 4, 5, 7, 10, 10 navetta, 11, 13, 15, 27, 29, 46, 49, 51, 52, 55, 56, 57, 59, 59B, 67, 71, 72, 72B, Star 2, Venaria Express, Rivoli Express, linea extraurbana 165 Torino-Ciriè.

Articoli Correlati