• CRONACHE

Venezia, il progetto per proteggere San Marco dalle maree

VENEZIA. Sono terminati i lavori del progetto compiuto dal Provveditorato alle Opere Pubbliche del Triveneto che ha realizzato un sistema per diminuire drasticamente le invasioni mareali nell’atrio della Basilica di San Marco a Venezia. Si tratta di un sistema che ha previsto il restauro degli antichi condotti, al fine di evitare dispersioni indesiderate e la possibilità di interruzione della connessione idraulica con il Bacino per mezzo di alcune valvole e pompe.


Nello specifico l’intervento idraulico agisce sulle condutture fognarie esistenti, e permette attraverso speciali valvole elettromeccaniche di bloccare, come fossero dei tappi, l’afflusso della marea fino ad una soglia di 85 centimetri, e si espellerla con un sistema di pompe, controllate da una centralina posizionata dentro al campanile di San Marco.

proteggere san marco maree
Piazza San Marco invasa dall’acqua alta (Facebook)

In questa maniera si potrà tutelare l’ingresso con il pavimento in mosaico, cioè il nartece della Basilica, che finisce allagato anche con alte maree modeste. Questo perché la Basilica si trova nella zona altimetricamente più bassa della città di Venezia che, negli ultimi decenni, è stata oggetto di aggressioni sempre maggiori da parte della marea, in particolare con l’invasione del pavimento dell’atrio (nartece) e della parte immediatamente prospiciente la Piazza, che avviene oltre 200 volte all’anno.

Ciò significa che le murature perimetrali lato Piazza San Marco, in questi ultimi 50 anni, sono praticamente sempre state con le basi a contatto dell’acqua salata e la salsedine è risalita per osmosi nei mattoni.

proteggere san marco maree
Basilica di San Marco a Venezia

Sulla base di questa positiva esperienza e seguendo lo stesso principio, il Provveditorato ha inoltre avviato la revisione del progetto di impermeabilizzazione dell’intera Piazza San Marco, fermo dal 1998. Il progetto di difesa della Piazza intende mantenerla asciutta sino a una quota di 110 cm sopra il livello del mare, oltre la quale è previsto l’intervento del Mose.

Tags

Articoli correlati