DAL MONDOԑ TOP NEWS

Venezuela, nuovo blackout. Si ipotizza un attacco elettromagnetico

Non c’è pace per i Venezuela: torna al buio Caracas e molte altre aree del Venezuela, i cittadini rivivono per l’ennesima volta l’incubo del blackout che nei mesi scorsi ha paralizzato gran parte del paese. Secondo il governo si è trattato di un “attacco elettromagnetico“. L’interruzione di corrente è iniziata a Caracas alle 22,41 interessando oltretutto l’approvvigionamento idrico, i servizi di trasporto pubblico e i collegamenti telefonici. Solamente dopo oltre sette ore la distribuzione dell’energia elettrica è ripresa.

Il presidente Nicolas Maduro ha denunciato l’accaduto come un “nuovo attacco criminale”. Non si è fatta attendere la risposta del leader dell’opposizione Juan Guaidò, che attraverso un Tweet ha affermato: “Questo è il quinto blackout nazionale dell’anno, 22:00: 5 ore senza energia elettrica in tutto il Venezuela a causa della corruzione e dell’incapacità del regime. Abbiamo dato l’allarme della possibile catastrofe umanitaria se il regime continuerà a impossessarsi del potere senza avere la capacità di offrire una soluzione di emergenza a ciò che ha provocato“.

venezuela blackout
La gente in strada per le vie di Caracas

Precedentemente Guaidò aveva affermato come “il Governo Maduro abbia distrutto il Paese, tentando di nascondere la portata della tragedia razionando l’intero paese, ma il fallimento è evidente: hanno distrutto il sistema elettrico e non hanno soluzioni.

Twitter @jguaido

L’organizzazione non governativa Netblocks stima che l’interruzione dell’energia elettrica ha provocato problemi al 94% delle infrastrutture di telecomunicazioni venezuelane.

Carlo Saccomando

Loading...

Articoli Correlati