VIDEO

|Video| De Luca veste i panni di Jude Law nella parodia “The New President”

The Young Pope“, insieme al sequel “The New Pope“, sono senza ombra di dubbio una tra le serie televisive più apprezzate e acclamate dal pubblico italiano, oltre che da quello estero visto hanno avuto la fortuna di essere distribuite in molti Paesi tra cui Germania, Austria, Gran Bretagna, Irlanda, Stati Uniti e Francia.

Oltre allo straordinario cast, alla regia d’eccellenza firmata da Paolo Sorrentino, le ambientazioni, la sceneggiatura, la fotografia, la colonna sonora e potremmo continuare ore ad elogiare questo splendido lavoro, bisogna sottolineare che nella mente di gran parte del pubblico sono rimaste indelebili le sigle.

Nell’ultima parodia firmata da Gerardo Bosso, creatore delle parodie di Amarcord Produzioni, la sigla presa in prestito per l’occasione è una di quelle relative a “The New Pope”, nel quale un Jude Law vestito solamente con un costume da uomo, modello slip, completamente bianco attraversa una spiaggia occupata solo ed esclusivamente da donne in costume.

The New President

Ma questa volta il protagonista non è il famoso attore britannico bensì uno dei personaggi più amati da Bosso: il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Il titolo dell’opera è “The New President“. Il governatore prima di indossare i panni del “papa spiaggiato” è intento a fare una dei suoi consueti interventi settimanali sui social.

Questa volta l’argomento principe della discussione sono i 60 mila assistenti volontari che il governo vorrebbe arruolare per adempiere funzioni di controllo come il rispetto del distanziamento sociale, evitare gli assembramenti, il corretto uso delle mascherine, la consegna di generi alimentari di prima necessità e di farmaci a domicilio, contare gli ingressi nei parchi o nei mercati, e tanto altro. Ma De Luca ironizza sull’argomento affermando : “Ci è stato detto che fanno moral suasion, quindi esercizi spirituali. Vedremo 60.000 persone con il saio con sopra scritto «pentiti!», nei vicoli. Il governo ha ridato vita al movimento degli spirituali di Jacopone da Todi e Ubertino da Casal“.

Una dichiarazione che non poteva rimanere indifferente al creatore del video, che grazie alla tecnica del “deep fake”, oltre ad montare il viso di De Luca su quello di Jude Law, nella scena della spiaggia ha inserito altri personaggi come l’ex senatore Antonio Razzi, Angela Merkel, Matteo Salvini, Giuseppe Conte, Giorgia Meloni, Donald Trump, Kim Jong-un, Vittorio Sgarbi e Luigi Di Maio. È molto esilarante il fatto che quasi tutte queste comparse, a parte Razzi e Sgarbi, abbiano acquisito le sembianze di giovani e suadenti donne. Peccato che il viso è rimasto il medesimo di prima.

Sicuramente non sarà la sigla del terzo e ultimo capito della serie dedicata al papa sorrentiniano, opera della quale il titolo e il cast sono attualmente ignoti, ma per un attimo è stato bello sognare che potesse essere il governatore campano il nuovo protagonista del sequel. Se non bello almeno spassoso!

Carlo Saccomando

Articoli Correlati