DAL MONDO

Yemen, raid saudita su un carcere provoca 60 morti

HOUTHI. Fatti a pezzi dalle bombe senza nessuna possibilità di mettersi in salvo, di poter fuggire. Un raid della coalizione a guida saudita contro obiettivi militari Houthi a Dhamar, nel sudovest dello Yemen, avrebbe colpito un carcere causando oltre 60 morti. La coalizione si è limitata a dire di aver distrutto un sito dove si trovavano droni e missili. Ma il ministro della salute del governo Houthi, parlando alla tv Al Masirah, ha affermato che 60 cadaveri sono stati estratti dalle macerie dopo il raid.

Il direttore del comitato nazionale per gli affari dei detenuti Abdulkadir Al-Murtada ha affermato su facebook che i funzionari sanitari hanno difficoltà di raggiungere sul luogo a causa degli raid continui. I testimoni hanno riportati che i feriti sono stati ricoverati all’ospedale e ancora ci sono numerosi detenuti rimasti bloccati sotto le macerie. “Questo attacco dimostra che la coalizione a guida saudita non esita di attaccare al popolo yemenito, anzi ai suoi sostenitori” ha detto il leader dei hothi Abdulmalik el-Husi.

Articoli Correlati