• 23 Gennaio 2021
  • IL SANTO DEL GIORNO

18 dicembre: San Flavito, eremita vissuto in Francia tra VI e VII secolo

Sono tanti i Santi e i Beati celebrati dalle Chiese cattolica e ortodossa nella giornata del 18 dicembre. Fra questi ricordiamo San Gaziano di Tours, vescovo del III secolo, di cui s’è parlato l’anno passato. Oggi, invece, diamo spazio a San Flavito, eremita vissuto tra la fine del VI secolo e l’inizio del VII secolo. In Francia è conosciuto come San Flavy ed è venerato particolarmente a Marcilly-le-Hayer dove sono è morto e dove sono presenti due grandi fontane, di cui una, la fontaine d’Abondance, che si dice sia sgorgata per mezzo di un miracolo del Santo.

San Flavito è ricordato tramite una leggenda riportata da un manoscritto del IX secolo e il suo culto è abbastanza diffuso. La leggenda racconta che venne fatto prigioniero in Italia e poi venduto a Troyes per trenta monete d’argento ad un certo Montanio, che lo impiegò nel suo fondo di “Marcelliacum” (Marcilly-le-Hayer) situato a circa 20 km a sud di Nogent-sur-Seine. Si sa che fu insidiato dalla moglie del padrone, respingendo la sua passione sopportò le calunnie, non volle sposarsi e fece prosperare gli affari di Montanio.

Svincolato dalla schiavitù, ricevé la tonsura ecclesiastica e poi fu ordinato prete; costruì un oratorio nella zona, dove condusse vita da eremita; morì il 18 dicembre di un anno imprecisato.

Due avvenimenti che lo riguardano sono datati: lo ordinò sacerdote san Lupo vescovo di Sens (m. verso il 623) e avrebbe resuscitato il figlio di re Clotario II (584-629), quindi San Flavito potrebbe essere morto intorno al 618.

Nei dintorni vi sono due villaggi, uno Saint-Flavy porta il suo nome, l’altro Villamaur-sur-Vanne aveva una abbazia benedettina a lui dedicata e le sue reliquie sono qui venerate. E’ ricordato il 18 dicembre sin dall’XI secolo.

.

Tags

Alessio Yandusheff-Rumiantseff

Sacerdote cattolico, nato a San Pietroburgo nel 1973, attualmente vive a Roma dove svolge il suo servizio pastorale ed accademico. Dottore in Teologia e professore. Ha compiuto gli studi in genetica a San Pietroburgo, in filosofia in Liechtenstein e in teologia alla Pontificia Università Lateranense e alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. È cappellano della Facoltà di Economia dell'Università La Sapienza. Collabora con le riviste teologico-filosofico-storiche "Traditio viva" e "Folia petropolitana" in qualità di redattore e traduttore.

Leggi ancora