IL SANTO DEL GIORNOԑ PRIMO PIANO

28 novembre: San Giacomo della Marca, sacerdote dei Frati Minori

Giacomo nasce a Monteprandone (Ascoli Piceno) nel 1394. Compiuti gli studi liberali ad Ascoli si laurea in Diritto a Perugia intorno al 1412 e lo troviamo poi a Bibbiena, in Toscana come giudice e poi come notaio nella segreteria comunale di Firenze. Entrato in amicizia con i francescani del luogo e meditando intorno ai misteri redentivi che suscita in lui la visione del Monte Verna, lascia l’avvocatura ed entra nell’Ordine dei Frati Minori. Diviene così discepolo di San Bernardino da Siena, dal quale riceve a 22 anni il saio francescano.

Nell’agosto del 1436 il Papa lo nomina inquisitore di Austria e Ungheria concedendogli ampi poteri e permettendogli di erigere nuovi conventi in quelle terre. L’appoggio dell’Imperatore e del Pontefice, oltre che il titolo di legatus del Concilio di Basilea, non sono però sufficienti a garantirgli l’intoccabilità e non solo riceve persecuzioni da parte del clero locale, non solo tentano di ucciderlo più volte, ma subisce anche una scomunica da parte di Simone, arcidiacono di Bacs.

Oratore ardente, si scaglia soprattutto contro i vizi dell’avarizia e dell’usura. Proprio per combattere quest’ultima, San Giacomo della Marca idea i Monti di Pietà, dove i poveri possono impegnare le proprie cose, non più all’esoso tasso preteso dai privati usurai ma a un interesse minimo.

Già debilitato per la vita di penitenza e colpito da coliche fortissime, muore a Napoli, il 28 novembre 1476. Le sue ultime parole sono: “Gesù, Maria. Benedetta la Passione di Gesù”. Verrà beatificato il 12 agosto 1624 da papa Urbano VIII e canonizzato nel 1726 da papa Benedetto XIII.

È tra i patroni della città di Napoli, di Monteprandone e compatrono di Mantova. A lui sono intitolate due parrocchie in territorio italiano: ad Ascoli Piceno e a Porto d’Ascoli. La memoria liturgica è fissata il 28 novembre, giorno della sua morte.

Alessio Yandusheff-Rumiantseff

Sacerdote cattolico, nato a San Pietroburgo nel 1973, attualmente vive a Roma dove svolge il suo servizio pastorale ed accademico. Ha compiuto gli studi in genetica a San Pietroburgo, in filosofia in Liechtenstein e in teologia alla Pontificia Università Lateranense e alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. E' cappellano della Facoltà di Economia dell'Università La Sapienza. Collabora con le riviste teologico-filosofico-storiche "Traditio viva" e "Folia petropolitana" in qualità di redattore e traduttore.

Articoli Correlati