IL SANTO DEL GIORNO

30 gennaio: San Teofilo “il giovane”, martire che non tradì la fede cristiana

Teofilo detto il Giovane, era un soldato che fatto prigioniero, mori rifiutando ogni proposta di tradire Gesù.

Il 30 gennaio la Chiesa cattolica venera San Teofilo detto “il Giovane“. Si tratta di un personaggio storico, la cui esistenza è confermata dalla “Chronografia” di Teofane per l’anno 790 e da alcuni sinassari bizantini, che al 30 gennaio riportano il suo nome.

La vita di San Teofilo, soldato e martire

Al tempo degli imperatori d’Oriente, Costantino VI che regnava negli anni 771-797 e di Irene sua madre e reggente (780-790), Teofilo era un capo militare, preposto al comando della base bizantina di Cipro. Nel corso di un attacco della flotta araba, Teofilo fu fatto prigioniero e portato davanti al califfo Harun ar-Rasid, il quale tentò di ottenere la sua apostasia del cristianesimo.

Il giovane comandante rifiutò e quindi fu incerato dai Saraceni, per quattro anni, nella speranza di ottenere il pagamento di un riscatto dai cristiani. Rifiutò di partecipare alla tradizione del Ramadan musulmano, e così Teofilo fu decapitato nel 792 il 30 gennaio, il giorno precedente la conclusione del Ramadam.

San Teofilo il giovane
Cardinale Cesare Baronio (Wikipedia)

Martire di Cipro

Anche se non vi è certezza, il luogo del martirio probabilmente fu Cipro. Il cardinale Cesare Baronio, compilatore del primo “Martirologio Romano” nel XVI secolo, lo inserì come martire di Cipro; la nuova edizione del Martirologio Romano, ha modificato la ricorrenza, portandola al 30 gennaio come nei sinassari orientali.

Alessio Yandusheff Rumiantseff

Tags

Alessio Yandusheff-Rumiantseff

Sacerdote cattolico, nato a San Pietroburgo nel 1973, attualmente vive a Roma dove svolge il suo servizio pastorale ed accademico. Ha compiuto gli studi in genetica a San Pietroburgo, in filosofia in Liechtenstein e in teologia alla Pontificia Università Lateranense e alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. E' cappellano della Facoltà di Economia dell'Università La Sapienza. Collabora con le riviste teologico-filosofico-storiche "Traditio viva" e "Folia petropolitana" in qualità di redattore e traduttore.

Articoli Correlati