IL SANTO DEL GIORNOԑ PRIMO PIANO

6 settembre: Sant’Eva di Dreux, martire venerata in Francia

Sant’Eva (in francese Ève) è una vergine martire venerata a Dreux di cui è patrona. Dreux è una città della Francia settentrionale, dipartimento di Eure et Loir sulla Blaise. Di lei si sa solo quello che la tradizione ha rimandato e cioè il suo martirio, che avviene con ogni probabilità in una delle persecuzioni dei primi secoli del Cristianesimo. Probabilmente vive nel corso del III secolo. Per il resto non sappiamo quando e come vive, non sappiamo chi è, ma certamente innamorata del suo Gesù, per il quale affronta il martirio, come altre decine di migliaia di cristiani, uomini, donne e anche fanciulli, in quel triste e pure tanto glorioso periodo dell’avvento del Cristianesimo, nel vasto Impero Romano.

La Rivoluzione Francese alla fine del Settecento, fa scomparire una cappella eretta nel 1653 e dedicata a Sant’Eva e anche una croce più antica, posta secondo la tradizione sul luogo del martirio. La chiesa di San Pietro a Dreux conserva alcune sue reliquie e dal 1946 la sua festa in città, che ricorre il 6 settembre, è celebrata con il rito doppio di prima classe con ottava, cioè con solennità e per gli otto giorni successivi.

Il nome Eva deriva dall’ebraico Hauuâh o Héva, che significa “madre dei viventi”; nei calendari vi sono quattro sante con questo nome, compresa Eva la progenitrice, venerate in giorni diversi.

Loading...

Alessio Yandusheff-Rumiantseff

Sacerdote cattolico, nato a San Pietroburgo nel 1973, attualmente vive a Roma dove svolge il suo servizio pastorale ed accademico. Ha compiuto gli studi in genetica a San Pietroburgo, in filosofia in Liechtenstein e in teologia alla Pontificia Università Lateranense e alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. E' cappellano della Facoltà di Economia dell'Università La Sapienza. Collabora con le riviste teologico-filosofico-storiche "Traditio viva" e "Folia petropolitana" in qualità di redattore e traduttore.

Articoli Correlati