IL SANTO DEL GIORNOԑ PRIMO PIANO

9 ottobre: San Giovanni Leonardi, sacerdote fondatore dei Leonardini

Sono tanti anche oggi (9 ottobre) i Santi e i Beati ricordati dalla Chiesa cattolica. Tra questi San Dionigi, vescovo di Parigi nel III secolo, di cui abbiamo parlato ampiamente lo scorso anno. Ma grande dignità merita anche San Giovanni Leonardi, fondatore dell’Ordine dei Leonardini e promotore del Collegio Missionario di Propaganda Fide.

Nato a Diecimo, oggi frazione di Borgo a Mozzano (Lucca), nel 1541 Giovanni Leonardi a 26 anni fa il farmacista. Quando la prospera repubblica viene colpita da una grave crisi decide di soccorrere i poveri e l’esperienza lo porta a diventare prete nel 1572. Ama l’insegnamento, lo fa prima con i bambini e poi con gli adulti.

Assieme ad altri due o tre sacerdoti, il 1º settembre 1574 fonda presso la chiesa di Santa Maria della Rosa di Lucca la congregazione dei Preti Riformati della Beata Vergine, dedita all’apostolato e alla formazione del clero: i sacerdoti della nuova famiglia religiosa aumentano velocemente di numero e per loro il fondatore redige per loro le Constitutiones Clericorum Regularium Matris Dei, subito approvate dal vescovo di Lucca Alessandro Guidiccioni e confermate da Clemente VIII con il breve Ex quo divina majestas (13 ottobre 1595). La congregazione viene elevata ad ordine religioso il 3 novembre 1621 da Gregorio XV, assumendo l’attuale nome di Ordine dei Chierici Regolari della Madre di Dio.

san giovanni leonardi
San Giovanni Leonardi

Ma dalla Repubblica di Lucca viene però espulso con l’accusa di disturbo all’ordine pubblico e mancanza di rispetto alle autorità costituite e si rifugia a Roma dove cresce sempre più il suo prestigio. Clemente VIII lo manda a riordinare congregazioni religiose e riformare monasteri. Il sacerdote ha, inoltre, modo di conoscere e frequentare il suo conterraneo Filippo Neri, come lui impegnato nel moto di riforma della Chiesa: gli esprime anche l’intenzione di partire come missionario per le Americhe, ma ne viene dissuaso.

Con il prelato spagnolo Juan Bautista Vives y Marja dà vita a Roma ad un movimento missionario che, dopo la sua morte, porterà all’istituzione del Collegio Missionario di Propaganda Fide (1624, poi Università Urbaniana) e all’erezione della Sacra Congregazione per la Propagazione della Fede (1627). Assieme a Juan Bautista Vives y Marja e Martin de Funes nel marzo 1608 scrive a papa Paolo V una lettera mirante a riaccendere lo spirito missionario della Chiesa, con particolare riferimento alle terre del Sudamerica.

Muore sessantottenne a Roma nel 1608 e viene sepolto nella Chiesa di Santa Maria in Portico: per interessamento del cardinale di York, la sua salma venne traslata nel 1662 nella Chiesa di Santa Maria in Portico in Campitelli (suo titolo cardinalizio). Il 25 aprile 1951 con il decreto del cardinale vicario Francesco Marchetti Selvaggiani “Percrescente incolarum” viene eretta la Chiesa di San Giovanni Leonardi, in piazza dei Cigni a Roma.

Alessio Yandusheff Rumiantseff

Tags

Alessio Yandusheff-Rumiantseff

Sacerdote cattolico, nato a San Pietroburgo nel 1973, attualmente vive a Roma dove svolge il suo servizio pastorale ed accademico. Dottore in Teologia e professore. Ha compiuto gli studi in genetica a San Pietroburgo, in filosofia in Liechtenstein e in teologia alla Pontificia Università Lateranense e alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. È cappellano della Facoltà di Economia dell'Università La Sapienza. Collabora con le riviste teologico-filosofico-storiche "Traditio viva" e "Folia petropolitana" in qualità di redattore e traduttore.

Articoli Correlati