• 17 Gennaio 2021
  • ACCADDE OGGI

Accadde oggi… nel 1928 si inizia a costruire la Linea Maginot

È il 13 gennaio 1928 quando si avviano i lavori alla Linea Maginot, un complesso integrato di fortificazioni, opere militari, ostacoli anticarro, postazioni di mitragliatrici, sistemi di inondazione difensivi, caserme e depositi di munizioni a protezione dei confini francesi .

Costruita per combattere le invasioni militari straniere, è costituita da numerosi blocchi di cemento sormontati da campane o torrette metalliche. Contrassegnata dal segreto militare, dal mistero delle sue installazioni sotterranee e da un’organizzazione complessa, la Linea Maginot ha indubbiamente un fascino speciale e si inserisce naturalmente nei siti della memoria militare.

linea maginot

Linea Maginot: struttura, dimensioni e dove è situata

Composta da 58 strutture, la costruzione prosegue sino al 1940 lungo i 750 chilometri di confini che il paese transalpino ha in comune con il Belgio, il Lussemburgo, la Germania, la Svizzera e l’Italia.

La Linea Maginot ha una profondità tra i 7-8 e i 15 km ed è costituita da una prima fascia destinata a sostenere l’urto iniziale, cui fa seguito un imponente complesso di fortificazioni artificiali appoggiate a elementi naturali e tra loro collegate da passaggi sotterranei. Nel corso della Seconda guerra mondiale (maggio-giugno 1940) verrà però facilmente aggirata dai tedeschi che avranno ragione del presidio da parte delle armate francesi.

Le dimensioni sono in ogni caso impressionanti: 160 ettari con 10 chilometri di gallerie. Il più grande dei siti è l’Hackenberg, situato a Veckring, che da qualche tempo è visitabile dai turisti a bordo di un treno elettrico dell’epoca. Da segnalare è anche la grande fortezza di Schönenburg a Hunspach, dove durante la seconda guerra mondiale si è combattuto maggiormente, con oltre 17.000 obici lanciati in 10 mesi.

Piero Abrate

Tags

pierino

Giornalista professionista dal 1990, in passato ha lavorato per quasi 20 anni nelle redazioni di Stampa Sera e La Stampa, dirigendo successivamente un mensile nazionale di auto e il quotidiano locale Torino Sera. È stato docente di giornalismo all’Università popolare di Torino.

Leggi ancora