• 9 Dicembre 2021
  • A TAVOLA

Al via “Let’s Eat – European Authentic Taste”, protagonisti i salumi italiani

Ha preso il via ufficialmente lo scorso venerdì 15 ottobre a Roma, Let’s Eat – European Authentic Taste” il progetto promosso da IVSI, Istituto Valorizzazione Salumi Italiani, e da ASIAC, l’Associazione formata dalle otto più grandi organizzazioni di produttori di frutta greca. L’obiettivo è quello di migliorare il grado di conoscenza dei prodotti agroalimentari dell’Unione Europea e aumentarne la competitività all’interno dei Paesi target scelti: ovvero Italia, Francia e Belgio. Il Progetto ha una durata triennale (2021-2024) e gode del co-finanziamento della Commissione Europea nell’ambito del Regolamento (UE) 1144/2014 (Azioni di informazione e di promozione riguardanti i prodotti agricoli nel mercato interno).

La conferenza stampa è stata condotta dal noto giornalista sportivo e conduttore Tv Pierluigi Pardo e Antonella Piperno, giornalista e vicepresidente dell’AGIT. Sono intervenuti tra gli altri Francesco Pizzagalli, Presidente dell’Istituto Valorizzazione Salumi Italiani, Despina Koukoulopoulou, Ministro Consigliere dell’ambasciata di Grecia a Roma, Erminia Ebner, biologa nutrizionista, docente della Scuola dello Sport del CONI di Roma.

Assegnati i premi ‘Let’s Eat’ a quattro famosi giornalisti

Durante i Campionati Assoluti di Tennis dell’AGIT, Associazione Italiana Giornalisti Tennisti, che si sono svolti al Foro Italico dal 13 al 17 ottobre, è stata presentata non solo la campagna Let’s Eat, ma è stata l’occasione anche per assegnare il Premio Let’s Eat a Marco Betello (Tg1), Alessandro Fabretti (Rai Sport), Stefano Meloccaro (Sky Sport), Gianni Sciancalepore (Corriere della sera). Più che un premio, un riconoscimento per questi atleti che sono riusciti conciliare la professione di giornalista con la cura della propria salute, attraverso la passione per lo sport e la corretta alimentazione. con la cura della propria salute, attraverso la passione per lo sport e la corretta alimentazione. A consegnare le targhe – e anche a decretare i vincitori – Jimmy Ghione (Striscia la Notizia).

Let's Eat
Da destra Gialuigi Pardo, Francesco Pizzagalli e Antonella Piperno

I salumi italiani: “Fondamentale il lavoro di divulgazione e informazione dei giornalisti”

E’ stato un onore presentare la Campagna europea Let’s Eat nella cornice del Foro Italico, perché eravamo al cospetto di due professioni per noi fondamentali, i giornalisti e gli sportivi. I giornalisti, perché attraverso il loro lavoro di divulgazione e informazione, aiutano i salumi italiani ad essere conosciuti e apprezzati dai consumatori italiani e di tutto il mondo.  Gli sportivi, perché sono sicuramente una fascia della popolazione che consuma abitualmente i nostri prodotti, riconoscendone i benefici nutrizionali particolarmente efficaci per il loro allenamento” ha affermato Francesco Pizzagalli, Presidente dell’Istituto Valorizzazione Salumi italiani.

Il punto di forza dei salumi è sicuramente quello di sposarsi perfettamente con la frutta: proteine nobili, vitamine, minerali essenziali e grassi benefici dei salumi, insieme ai carboidrati positivi, vitamine, antiossidanti e fibre della frutta, creano un pasto completo di tutti i nutrienti necessari richiesti post allenamento, quando bisogna reintegrare i liquidi e sali minerali persi con la sudorazione e nutrire i muscoli che sottoponiamo a maggior movimento. Ad esempio, il ferro e l’intero complesso di vitamine del gruppo B (di cui i salumi sono ricchi) vengono assorbiti meglio insieme alla vitamina C, al beta-carotene e agli antiossidanti della frutta quando presenti nello stesso pasto, creando quelle sinergie che vengono in genere studiate per la messa a punto di integratori: per questo il connubio frutta e salumi funziona da vero e proprio integratore naturale. I salumi di oggi, già di per sé, contengono meno sale e meno grassi rispetto al passato e sono più salutari di quanto si pensi, grazie all’indice glicemico pari a zero e alla presenza di muffe benefiche e di peptidi bioattivi ad azione ipotensiva, che si formano durante la stagionatura” – ha sottolineato Erminia Ebner, biologa nutrizionista, docente della Scuola dello Sport del CONI di Roma.

Al temine dell’incontro è seguito un aperitivo a base di finger food e creazioni gourmet a cura di Fabio Campoli, chef innovativo, autore di diverse pubblicazioni e docente nonché volto noto del piccolo schermo.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati