• 28 Febbraio 2024
  • RUBRICHE

Maltempo: allerta arancione in Liguria e gialla in 12 regioni

Perturbazione atlantica responsabile di precipitazioni diffuse e aumento dei venti

Oggi, lunedì 9 gennaio, è prevista un’allerta arancione su parte della Liguria oltre ad un’allerta gialla su Toscana, Lazio, Campania, Calabria, Basilicata, Abruzzo, Umbria, parte di Marche, Sardegna, Puglia, Molise, Emilia-Romagna. Questo in sintesi il report diffuso dalla Protezione Civile sulle condizioni meteorologiche e criticità previste sull’Italia previste nella giornata odierna.

Venti freddi provenienti dall’Islanda

Come spiegano gli esperti la causa del maltempo in mezza Italia è una perturbazione atlantica, legata alla profonda struttura depressionaria centrata a sud dell’Islanda. Perturbazione che ha determinato la formazione di “un minimo secondario sulla pianura padana”, oltre a precipitazioni diffuse su parte delle regioni occidentali e tirreniche centro-meridionali e una generale e significativa intensificazione dei venti.

Allerta arancione in Liguria: la Regione monitora attentamente la situazione

Stiamo seguendo con grande attenzione l’evolversi del maltempo in Liguria e, con l’assessore Giampedrone, siamo in costante contatto con la Protezione Civile per monitorare i disagi“. Queste le parole del governatore della Liguria Giovanni Toti in merito all’allerta arancione.

Lo stesso presidente di Regione ha informato che nella serata di ieri si era verificato uno smottamento sulla via Aurelia tra le due gallerie al confine tra Chiavari e Zoagli. I detriti avevano occupato metà della carreggiata e si viaggiava a senso unico alternato. Mentre San Colombano Certenoli è stata chiusa via Scaruglia a causa di una frana. Problemi anche a Chiavari dove è stato necessario chiudere ai veicoli il sottopasso di via Tito Groppo per allagamento.

Infine il governatore ha informato che nel Levante ligure l’allerta arancione per piogge è stata prorogata fino alle 8 di questa mattina, per questo motivo ha raccomandato la massima prudenza.

Venti forti in 7 regioni e possibili mareggiate sulle coste

L’avviso degli esperti ha segnalato, già a partire dalla giornata di ieri, venti forti o di burrasca dai quadranti meridionali su Toscana e Umbria, in estensione dalle prime ore di oggi su Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania e Basilicata, specie su crinali appenninici.

Mentre nella mattinata odierna i venti forti interesseranno prima la Toscana per poi estendersi a Sardegna, Valle d’Aosta, Piemonte, Puglia, Calabria e Sicilia. Possibili anche mareggiate lungo le coste esposte.

Le previsioni, inoltre, prevedono precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Liguria e Toscana, in progressiva estensione sin dalle prime ore di oggi su Lazio, Campania, Basilicata e Calabria, specie sui versanti tirrenici delle aree montuose. I fenomeni, in base alle analisi dei meteorologi, dovrebbero essere accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Possibili criticità idrogeologiche

La Protezione Civile avverte che il maltempo potrebbe impattare negativamente determinando criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento.

Torna alla homepage per leggere altre interessanti notizie

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati