POLITICAԑ TOP NEWS

Bozza dl Agosto: 400 euro a famiglie in difficoltà e tasse sospese spalmate in 2 anni

Il decreto prevede inoltre l'assegnazione di ulteriori 200 milioni ai Comuni, la concessione della cassa integrazione per i dipendenti AirItaly, il rifinanziamento di "Strade sicure", sgravi contributivi per il turismo e 400 milioni a fondo perduto per i ristoranti in difficoltà.

Si prospettano importanti novità nella nuova bozza del dl Agosto la cui approvazione definitiva è attesa nelle prossime ore. Saranno ben 103 gli articoli contenuti nel decreto, 12 in più rispetto al precedente. Tra le norme previste destano grande interesse lo stanziamento di ulteriori 400 euro di Reddito di emergenza per le famiglie più in difficoltà e la possibilità di rateizzare le tasse sospese nei mesi di lockdown in 2 anni. Nella bozza viene recepita l’intesa sulla proroga del blocco dei licenziamenti siglata ieri nel governo ma alcune norme sono ancora da completare, per altre compaiono solo i titoli.

Il Reddito di emergenza, ancora suscettibile di ulteriori modifiche, se ne potrà fare richiesta entro il 15 ottobre: i beneficiari riceveranno un assegno di 400 euro. Sostanzialmente la misura rappresenterebbe il naturale prosieguo delle prime due tranche, sempre del medesimo importo, disposte nei mesi scorsi dal governo attraverso il decreto Rilancio.

bozza dl agosto

Per quanto concerne le imposte bloccate nei mesi del lockdown non andranno più saldate entro la fine dell’anno ma in due anni, con 24 rate mensili. La nuova bozza non sposta il primo appuntamento col fisco previsto per il 16 settembre. Le rate però saranno molto più leggere perché da 4 diventano 24. A essere diluiti sono i versamenti di tasse, contributi e ritenute previsti per marzo, aprile e maggio.

Per l’anno 2020 i settori del turismo e dello spettacolo non dovranno pagare la seconda rata dell’Imu. La misura sarà prevista in particolare per gli immobili di stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, termali, alberghi, agriturismo, villaggi turistici, ma anche affittacamere, case e appartamenti per vacanze, B&B.e). La misura viene estesa anche agli immobili destinati a discoteche, sale da ballo, night-club e simili. Mentre i proprietari di immobili di fiere e cinema e teatri non dovranno pagare l’Imu per 2021 e 2022, a condizione che siano anche gestori delle attività esercitate all’interno.

A questi due importanti provvedimenti si aggiunge l’assegnazione di altri 200 milioni ai Comuni, la concessione della cassa integrazione per i lavoratori AirItaly, il rifinanziamento di “Strade sicure” fino a fine emergenza e sgravi contributivi per il turismo. Inoltre è stato ridimensionato a 400 milioni di euro a fondo perduto, rispetto al miliardo di cui prospettato qualche giorno fa dalla ministra Teresa Bellanova, il fondo Mipaaf per ristoranti: la misura sarebbe rivolta solo ai ristoranti che hanno registrato un importante “calo di fatturato”, che potranno utilizzare le risorse erogate per l’acquisto di prodotti agroalimentari 100% Made in Italy.

Carlo Saccomando

Tags

Articoli Correlati