• 23 Gennaio 2021
  • DAL MONDO

Cile: sale a 11 il bilancio delle vittime, quasi 1500 gli arresti

SANTIAGO. E’ salito a 11 morti il bilancio delle violente proteste di questo fine settimana in Cile. Lo ha reso noto Karla Rubilar, sovrintendente della regione metropolitana di Santiago, citata dai media cileni. Il dato riunisce i tre morti di sabato e gli otto di eri, periti in incendi durante saccheggi.

Cinque uomini sono morti per via di un incendio in un magazzino di un’azienda tessile, quattro in supermercati e due in un negozio di prodotti per l’edilizia. Rubilar ha detto che oggi “sebbene sia una giornata complessa, una giornata difficile”, le persone “possono muoversi con maggiore normalità”. Ma le violente proteste non si placano. Manifestanti hanno attaccato oggi gli uffici dell’anagrafe di Lo Espejo, località a sud di Santiago del Cile, incendiandoli e provocando importanti danni. I vigili del fuoco sono accorsi sul posto spegnendo le fiamme e il comandante Jaime Flores ha confermato che l’incendio è stato causato da un gruppo di manifestanti che hanno saccheggiato i locali. Flores ha aggiunto che i danni causati sono importanti perché sono andati distrutti molti documenti dell’anagrafe.

Il ministro dell’Interno, Andrés Chadwick, ha diffuso i dati di quanto sta avvenendo nel Paese: 960 persone sono state arrestate nelle ultime ore per 103 episodi di violenza, 50 registrati nella regione di Santiago mentre 53 nel resto del Paese. In tutto, da quando sono iniziate le proteste, sono 1.500 le persone arrestate. Gli agenti feriti sarebbero 62. Otto le stazioni della polizia distrutte e sette tra bus e metro. Inoltre, il ministro ha comunicato che sono quasi 8 mila i “carabineros” e i militari delle forze armate mobilitati.

Intanto, il generale Javier Uturriaga ha confermato anche per oggi il coprifuoco dalle 20 fino alle 6 di domattina (ora locale), nella regione di Santiago del Cile, per contrastare la violenza generata da “gruppi di vandali e di delinquenti”. Il provvedimento è in vigore per la terza notte consecutiva.

Tags

Redazione

Leggi ancora