• 24 Settembre 2021
  • ATTUALITA'

Confcommercio, consumi ancora in forte calo: -29,4% a maggio

Nel mese di maggio nonostante l’allentamento delle misure per il contenimento della pandemia e la graduale ripresa delle attività con la cosiddetta fase due, la domanda delle famiglie ha stentato a trovare la strada del recupero.

Nel confronto annuo l’indicatore dei consumi di Confcommercio (Icc) segnala un calo del 29,4%, un dato meno negativo se confrontato con il -47% di aprile ma che conferma “grandi difficoltà” soprattutto per i servizi legati alla fruizione del tempo libero. Tra i settori più colpiti si segnalano quelli legati al tempo libero (-92%), alberghi, bar e ristoranti (-66%) e abbigliamento (-55%).

Mentre sono pochi i segmenti che registrano un segno positivo: alimentazione domestica, comunicazioni ed energia sono tra i pochi settori i cui consumi sono sopra i livelli di un anno fa. Allo stesso tempo Confcommercio sottolinea come un moderato recupero ha interessato l’abbigliamento e le calzature, i mobili ed i prodotti tessili per la casa ed i giochi e gli articoli per il tempo libero.

confommercio consumi

Per il settore automotive va fatto un discorso a parte in quanto il dato negativo di maggio, meno rispetto ai mesi precedenti, va letto con estrema cautela, in quanto nel mese sono state effettuate consegne di ordini effettuati a gennaio e febbraio. Tra i servizi, per i quali si riscontrano ancora riduzioni che si avvicinano al 100%, qualche timido segnale di recupero si rileva per i pubblici esercizi, ancora condizionati dai limitati flussi turistici e dello smart working.

Le stime sul Pil

Nel secondo trimestre è stimata una riduzione de Pil del 17,4% rispetto al primo trimestre e del 21,9% nel confronto annuo. Considerando aprile come il punto di minimo congiunturale seguito dalla graduale ripresa delle attività a partire da maggio, si stima per giugno una crescita del Pil, al netto dei fattori stagionali, del 4,7% rispetto a maggio, dato che porterebbe ad una decrescita del 17,2% rispetto allo stesso mese del 2019.

Tags

Articoli correlati