SANITA'ԑ PIEMONTEԑ PRIMO PIANO

Coronavirus, Piemonte: regole più rigide per chi rientra dall’estero

Per coloro i quali giungono o transitano da nazioni considerate 'a rischio' saranno previsti 14 giorni di isolamento fiduciario, Tampone e autocertificazione per chi lavora nel settore sanitario e assistenziale.

Comunicazione obbligatoria per chi transita o arriva da Paesi a rischio e quattordici giorni di isolamento fiduciario. Tampone e autocertificazione per chi lavora in sanità e servizi di assistenza alla persona. Sono le indicazioni operative per chi arriva o rientra in Piemonte dall’estero varate oggi dalla Regione. “Rispetto alle disposizioni nazionali, il Piemonte ha introdotto due irrobustimenti – spiega il governatore Alberto Cirioche riguardano gli operatori della sanità e dei servizi socio-sanitari e assistenziali, per la delicatezza di queste professioni“.

Chi rientra dai Paesi per i quali è previsto l’obbligo di isolamento fiduciario per 14 giorni, in particolare, dovrà comunicarlo compilando un apposito modulo, scaricabile sul sito della Regione, da trasmettere al proprio medico di base o al Sisp (Servizio di Igiene e sanità pubblica), specificando anche se svolge una professione socio-sanitaria o di assistenza alla persona.

piemonte coronavirus
Da sinistra il governatore del Piemonte Alberto Cirio e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Tutte le Aziende sanitarie regionali e le strutture socio-assistenziali, pubbliche e private, soggette ad autorizzazione all’esercizio dell’attività da parte delle Asl, dovranno far compilare una apposita autocertificazione a tutti i dipendenti assenti dal lavoro per più di 5 giorni, indipendentemente se abbiano soggiornato all’estero o in Italia.

La consegna al proprio datore di lavoro dell’ autocertificazione – spiega la Regione Piemonte – è raccomandata anche per chi, come nel caso di badanti, lavora nell’assistenza alla persona. Proprio per chi convive con le fasce più a rischio è stato previsto che l’isolamento fiduciario possa avvenire in un luogo alternativo al proprio normale domicilio, incluso (a proprio carico) strutture individuate dall’Asl in collaborazione con la Protezione civile.

Norbert Ciuccariello

Tags

Articoli Correlati