SANITA'ԑ TOP NEWS

Coronavirus, salgono a 170 i morti. In Cina chiude Ikea chiude tutti i negozi

Continua a salire il bilancio delle vittime causate dal coronavirus: il dato ufficiale parla di 170 morti e 7.736 infettati, di cui 1.239 in gravi condizioni. A riferirlo i media ufficiali cinesi, che confermano come il virus si sia ormai esteso a tutte le province. Si stima inoltre che in Cina i casi sospetti di infezione dal virus siano oltre 12.000. Sul totale dei morti, 162 sono stati registrati nella provincia di Hubei, epicentro dell’epidemia.

I casi registrati all’estero sono circa 70, distribuiti in una ventina di Paesi, tra cui si registrano 14 casi in Tailandia, 10 a Singapore, 8 in Giappone, 7 in malesia, 4 in Corea del Sud, 4 negli Emirati Arabi, 2 in Vietnam e 1 un Nepal. Mentre si è registrata la trasmissione del virus da persona a persona in Giappone, Germania, Taiwan e Vietnam.

Mappa che mostra la diffusione del coronavirus (Twitter)

Il cambio di direzione dell’Oms

Oggi l’Organizzazione mondiale della sanità riunirà nuovamente il comitato degli esperti per decidere se dichiarare l’epidemia una emergenza su scala internazionale. Il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha riferito che l’organizzazione è “profondamente rammaricata” per aver definito in molti rapporti della scorsa settimana il rischio legato al coronavirus “moderato“, invece che “alto“.

Ikea chiude temporaneamente tutti i negozi in Cina

Ikea ha deciso di chiudere in via temporanea tutti i suoi 30 negozi in Cina a causa dell’epidemia del coronavirus. La misura è scattata dopo che mercoledì il colosso svedese aveva annunciato la chiusura di metà dei suoi negozi, limitando anche gli orari di apertura di quelli operativi.

coronavirus 170 morti
La nazionale di calcio cinese femminile (Twitter)

Coronavirus e l’impatto sul mondo dello sport

L’impatto devastante del virus cinese ha finito per influenzare anche il mondo dello sport: sono stati rinviati i mondiali indoor di atletica del 2021, la tappa della coppa del mondo di sci annullata e gli sport motoristici stanno prendendo in seria considerazione l’annullamento delle gare cinesi . Tutto ciò mentre la nazionale femminile cinese di calcio è in quarantena, costretta ad alloggiare forzatamente in un hotel.

Sempre a proposito di calcio la federazione di calcio cinese (Chinese Football Association) attraverso un comunicato ufficiale ha deciso di rinviare a data da destinarsi tutte le partite in programma nel 2020.

Norbert Ciuccariello

Articoli Correlati