• 24 Gennaio 2021
  • ATTUALITA'

Cos’è il ‘Gioco Responsabile’? L’esempio di Betflag

Oggi come oggi, alle aziende e alle industrie di tutto il mondo, si chiede sempre più responsabilità. Che si traduce in cura e rispetto non solo delle tematiche affrontate ma anche e soprattutto nei confronti degli utenti e dei potenziali consumatori. In una sola parola alle aziende si richiede responsabilità sociale. Diventata una autentica politica, sotto l’acronimo di Responsabilità Sociale d’impresa.

Il mondo del gioco d’azzardo, un’industria vivace in tutto il mondo, dai guadagni stratosferici, si è saputa ben anticipare negli anni. Rispondendo, alle necessità sociali d’impresa, tramite un apposito programma. Lo stesso che oggi rappresenta la mission e la vision di ogni operatore della filiera legale del gioco. Il cosiddetto protocollo di “Gioco Responsabile”, oggi parte del DNA di ogni azienda seria che sviluppi prodotti da gioco. Ma in cosa si traduce questa politica, quali sono i suoi orizzonti, quali i suoi fini?

gioco responsabile

Una definizione di Gioco Responsabile

Gioco Responsabile è quindi una definizione, prima di tutto. Un concetto che si traduce in misure e strumenti di ausilio per gli utenti e di contrasto per ogni pratica che minacci, da vicino o da lontano, la stabilità del gioco o le regole del gioco stesso. Tutto d’accordo con le politiche dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Esempio ideale di applicazione di questo protocollo è offerto da BetFlag, operatore di gioco attivo dal 2004 nel mercato italiano.

Betflag si impegna a promuovere il gioco responsabile garantendo programmi di prevenzione e di intervento per ridurre gli effetti negativi del gioco. Anzitutto riportando il logo “Gioco Responsabile” sul proprio sito, ed offrendo agli utenti tutte le informazioni utili per giocare, veicolando tutta una serie di messaggi a tutela dei giocatori.

Nella sezione denominata “Autotutela” Betflag offre tutte informazioni dettagliate sugli strumenti messi in campo nella prevenzione, tra le altre, del fenomeno ludopatia tra i giocatori. Anzitutto utilizzando il limite di deposito giornaliero, la cosiddetta autolimitazione al versamento. Ma anche dando possibilità di autoescludersi dal gioco, temporaneamente o permanentemente. Infine il test SOGS, ottima valutazione per il comportamento da gioco.

Questo altro non è che un test di autovalutazione per capire se il giocatore rischia patologie o devianze nel suo comportamento di gioco. Betflag schiera in campo anche un gruppo qualificato di professionisti, garantendo per i suoi utenti collaborazioni con agenzie internazionali come GamCare o Gambling Therapy. Nella sezione “condizioni generali”, inoltre, si trovano tutte le informazioni utili in materia di gioco sicuro, con tanto di vademecum per giocare in maniera responsabile. Il tutto per garantire un gioco equo, di intrattenimento e divertimento.

Redazione

Leggi ancora