CRONACHEԑ LIGURIA

Crolla parte della volta in A26, ponte Morandi non è bastato… I politici? “Allibiti”

 GENOVA. Politici “allibiti” gente che doveva effettuare controlli e manutenzioni “esterefatta” si ripete il clichè farsesco e vergognoso di una Italietta suddita e miseranda che in questi episodi da immagine di se stessa…Tragedie avvenute o sfiorate che restano regolarmente impunite, fatte dimenticare, silenziate o addirittura bonariamente giustificate. Ponte Morandi non è bastato, evidentemente. Non è bastato a far fermare i girotondi fra politici con imprese che non fanno il loro lavoro con coscienza ma che sono molto generose con gli amici degli amici.. Questa volta parte della volta della galleria Bertè in A26, nei pressi di Masone, in direzione Genova, è caduta nel tardo pomeriggio. Nessun mezzo fortunatamente è stato coinvolto. Il tratto da Masone fino al bivio A26/A10 è stato chiuso con uscita obbligatoria a Masone, ad eccezione dei mezzi pesanti che restano in coda. Sul posto sono intervenuti le pattuglie della polizia stradale e le squadre dei tecnici di Autostrade. Alcune lastre di cemento sono finite sulla corsi centrale, la galleria è a tre corsie. Solo per un caso fortuito nessun veicolo è stato colpito. Il comune di Rossiglione sulla sua pagina Facebook ha lanciato l’allarme invitando gli automobilisti a fare massima attenzione in A26 perché nella prima galleria dopo Masone c’erano pietre sulla carreggiata. Sul caso il ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha convocato con urgenza la società Autostrade per l’Italia. “Mi dispiace profondamente per quanto successo oggi. Daremo massima attenzione a quello che è successo. I tecnici sono subito intervenuti nella galleria e stanno verificando l’accaduto. Procederemo col massimo rigore, su tutti i fronti”. Lo ha detto l’ad di Aspi Roberto Tomasi stasera al termine della riunione in Regione Liguria.

Il crollo di una parte di volta di una galleria della A26 “è un motivo in più per avviare un piano di controllo non solo dei ponti ma anche delle gallerie, lo abbiamo chiesto ufficialmente ad Aspi”. Lo dichiara il sindaco Marco Bucci al termine dell’incontro in Regione con l’amministratore delegato di Aspi Roberto Tomasi sulle criticità in corso nella rete autostradale ligure.  Per il governatore Toti “serve un piano straordinario per la messa in sicurezza, il monitoraggio e la manutenzione delle infrastrutture viarie della Liguria”. E aggiunge riferendosi al crollo in galleria: “Questo ulteriore episodio ci lascia allibiti. Da tempo chiediamo di conoscere la situazione di sicurezza di gallerie e viadotti. “Questa – ha concluso il governatore – è l’ulteriore dimostrazione di quello che sosteniamo da tempo: serve un piano straordinario per la messa in sicurezza, il monitoraggio e la manutenzione delle infrastrutture viarie della Liguria, quello che stavamo ottenendo durante la riunione. Ho parlato con il ministro De Micheli che mi pare sia ugualmente allibita”. Superata la fase dell’allibimento per la De Micheli e affini vedremo che misure sapranno prendere ora e per il futuro immediato. Vedremo anche questa vicenda finire in gloria, nessun colpevole per carità…si tratta solo di continuità nel torbido gioco fra chi le cose dovrebbe farle e fra chi dovrebbe controllarle. In mezzo? Un popolo di pecoroni e vittime sacrificali. Gli italiani, gli abitanti del Paese delle disgrazie, fatalità, casualità, inimmaginabilità diventate sistema.

Articoli Correlati