POLITICAԑ TOP NEWS

Di Maio in Libia per riprendere i vecchi accordi siglati da Berlusconi

ROMA. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è appena atterrato a Tripoli. A quanto si apprende, vedrà il capo del governo di accordo nazionale, Fayez al-Sarraj, il presidente del parlamento di Tobruk, Aguila Saleh, il presidente della Noc (compagnia petrolifera nazionale) Mustafa Sanalla e il presidente dell’Alto Consiglio di Stato, Khaled Al-Meshri È il primo viaggio all’estero del ministro dalla ripresa dei lavori. Il 17 agosto era stato in Tunisia.

Motivo della visita in Libia la delicata situazione sul terreno e il recente accordo Sarraj-Saleh per un cessate il fuoco. Di Maio oggi sarà accompagnato dal sottosegretario Di Stefano, delegato dal ministro a lavorare per istituire una commissione mista Italo-libica per le questioni economiche.
    Nel piano di Di Maio c’è la ripresa dei vecchi accordi siglati da Silvio Berlusconi, con l’obiettivo di dare nuovo impulso agli investimenti italiani in Libia e offrire nuove opportunità di crescita alle nostre imprese e al popolo libico.
    Del tema il ministro Di Maio ne aveva discusso con Sarraj già durante l’ultima visita a Tripoli. 

Articoli Correlati