• CRONACHE

E’ morto a 72 anni Cesare Cadeo, volto gentile della tv

MILANO. Lutto nel mondo della televisione. Cesare Cadeo, giornalista e conduttore tv tra i più popolari, si è spento all’età di 72 anni. La sua carriera è stata legata in modo particolare alle reti Mediaset. Definito il “gentiluomo del piccolo schermo”, Cadeo è stato un emblema della televisione degli Anni Ottanta. Da sempre tifoso milanista, nel decennio precedente era stato è responsabile delle relazioni esterne del Milan di Felice Colombo e Vittorio Duina. Nel 1975 aveva iniziato a lavorare a Tvm66, una delle prime emittenti televisive milanesi. Poi era passa alla corte di Silvio Berlusconi, prima a TeleMilano58 poi a Canale 5. Qui ha partecipato alla realizzazione del Mundialito di calcio e commentato i principali eventi sportivi.

Nella stagione 1982/83 aveva condotto Goal con Enzo Bearzot, c.t. della Nazionale campione del mondo in Spagna. Un anno dopo, era stato proprio lui a presentare trasmissioni sportive come Record e Super Record, in onda su Canale 5. Dal 1989 al 1992 lo avevamo visto e apprezzato per la sua eleganza su Italia 1 a Calciomania, affiancato da Paola Perego e Maurizio Mosca e poi ancora come ospite fisso di Mai dire Gol, come indimenticabile e un po’ surreale inviato in collegamento con la Gialappa’s Band.

Cesare Cadeo

Non solo sport però. Cadeo ha presentato anche popolari programmi di intrattenimento accanto a protagonisti della tv come Sandra Mondaini. E ha condotto anche un quiz di bambini, Fantasia, e la trasmissione di cucina Mezzogiorno di cuoco, pioniera nel genere dei cooking show. Nel suo bagaglio di professionista della tv anche numerose telepromozioni e televendite. E non solo Mediaset. Su Rai 2 Cadeo ha condotto il reality La sposa perfetta e il programma Furore. Dalla tv alla politica: alla fine degli anni ’90 Cadeo è sceso in campo per Forza Italia come assessore allo Sport della Provincia di Milano.

Tra i primi a esprimere il cordoglio per la scomparsa del collega, su Twitter, è stato Gene Gnocchi, con cui Cadeo aveva condotto un’ edizione di Meteore: “Se n’è andato un gran signore e un vero amico”. Cadeo era malato da tempo. Lascia tre figli.

Tags

Piero Abrate

Giornalista professionista dal 1990, in passato ha lavorato per quasi 20 anni nelle redazioni di Stampa Sera e La Stampa, dirigendo successivamente un mensile nazionale di auto e il quotidiano locale Torino Sera. È stato docente di giornalismo all’Università popolare di Torino.

Articoli correlati