POLITICAԑ TOP NEWS

Fondi russi alla Lega, pm chiedono altri sei mesi per indagare

La Procura di Milano ha chiesto di poter indagare per altri sei mesi nei confronti di Gianluca Savoini,ex portavoce di Matteo Salvini e presidente dell’associazione Lombardia-Russia , dell’avvocato Gianluca Meranda, e l’ex banchiere Francesco Vannucci, tutti e tre indagati per corruzione internazionale nella vicenda sui presunti fondi russi alla Lega.

La richiesta dei pm milanesi

L’atto, composto da quattro pagine, contiene la richiesta dei pm di Milano di poter proseguire le indagini per corruzione internazionale nei confronti dei tre indagati. Il Gip Alessandra Clementi ha avvisato le difese che hanno cinque giorni di tempo per presentare le memorie difensive. Dopo questo termine, entro una decina di giorni, dovrebbe arrivare la decisione del giudice.

fondi russi sei mesi
Foto scattata da Gianluca Savoini a Mosca (Twitter)

Le accuse della Procura di Milano

Fulcro dell’inchiesta è la presunta trattativa tra i tre indagati e altrettanti russi su una compravendita di petrolio che, secondo l’accusa, avrebbe illecitamente portato 65 milioni di euro nelle casse della Lega. La trattativa, che non è andata a buon fine, sarebbe avvenuta il 18 ottobre 2018 all’hotel Metropol di Mosca e agli atti della Procura è stato depositato anche un file audio.

Tra le prove più importanti in mano agli inquirenti c’è la fotografia di un foglio nel quale sono riportati i dettagli dell’accordo, immagine rinvenuta nella memoria dei telefoni cellulari dei tre indagati. Nel foglio immortalato ci sono le percentuali da dividere tra il partito del ‘Carroccio’ (4%) e gli intermediari russi (6%) di una partita di petrolio del valore di un miliardo e mezzo. La foto sarebbe stata scatta da Meranda, e poi spedita a Savoini e Vannucci.

Da sinistra Matteo Salvini e la giornalista Irina Aleksandrova (Twitter)

Sul caso nelle scorse settimane è stata sentita come teste la giornalista della Tass, Irina Aleksandrova, presente all’incontro tra Matteo Salvini e il vicepremier russo Dimitry Kozak.

Norbert Ciuccariello

.

Articoli Correlati