PERSONAGGIԑ PRIMO PIANO

Gianni Rodari, parte già la festa per il centenario del 2020

ROMA. Il 23 ottobre 2020 ricorreranno i cent’anni dalla nascita di Gianni Rodari, un numero che lascia incredulo chi lo conosce attraverso i suoi libri.
Perché da decenni essi raccontano ogni giorno una realtà sempre attuale, descrivono lucidamente sentimenti ancora veri e nella loro semplicità geniale ci fanno riconoscere. Per questo anniversario speciale sono stati messi in cantiere diversi eventi tra storie, filastrocche, articoli di approfondimento, materiali scaricabili per insegnanti, poster stampabili, quiz e tanto altro. Proprio per la ricchezza del programma, esso prende il via un anno prima, con protagonista assoluta la fantasia. Fra tre giorni, insomma, parte il countdown in vista delle celebrazioni su www.100giannirodari.com, scandito da nuove pubblicazioni e iniziative.

A inaugurare “100 Gianni Rodari” sono le Edizioni EL, Einaudi Ragazzi, Emme Edizioni che, in quanto editori unici dell’opera del Premio Andersen 1970, considerato il Nobel della Letteratura per l’infanzia hanno messo in cantiere nuove edizioni ed eventi. Tra i primi titoli Cento Gianni Rodari – Cento storie e filastrocche – Cento illustratori e La Freccia Azzurra con l’introduzione di Neri Marcorè e le illustrazioni di Camilla Pintonato.

Gianni Rodari è nato a Omegna nel 1920. Dopo aver conseguito il diploma magistrale, per alcuni anni ha fatto l’insegnante. Al termine della Seconda guerra mondiale ha intrapreso la carriera giornalistica, che lo ha portato a collaborare con numerosi periodici, tra cui L’Unità, il Pioniere, Paese Sera. A partire dagli anni Cinquanta ha iniziato a pubblicare anche le sue opere per l’infanzia, che hanno ottenuto fin da subito un enorme successo di pubblico e di critica. I suoi libri hanno avuto innumerevoli traduzioni e hanno meritato diversi riconoscimenti, fra cui, nel 1970, il prestigioso premio Hans Christian Andersen, considerato il Nobel della letteratura per l’infanzia.

Negli anni Sessanta e Settanta ha partecipato a conferenze e incontri nelle scuole con insegnanti, bibliotecari, genitori, alunni. E proprio dagli appunti raccolti in una serie di questi incontri ha visto la luce, nel 1973, Grammatica della fantasia, che è diventata fin da subito un punto di riferimento per quanti si occupano di educazione alla lettura e di letteratura per l’infanzia. Gianni Rodari è morto a Roma nel 1980. Tra le sue opere più significative: Le avventure di Cipollino, Gelsomino nel paese dei bugiardi, Filastrocche in cielo e in terra, Favole al telefono, Il libro degli errori, C’era due volte il barone Lamberto.

Piero Abrate

Loading...

Articoli Correlati