ECONOMIAԑ TOP NEWS

Il ministro Patuelli “Arrivano i 15 miliardi di indennizzi diretti alle imprese”

BRUXELLES.  Parrebbe, il condizionale è d’obbligo, che finalmente vada a sbloccarsi la situazione degli aiuti alle piccole, medie e grandi imprese. Aiuti consistenti che fin’ora sono rimasti sulla carta nonostante le sofferenze del settore produttivo. “Nel prossimo decreto aprile ci saranno “15 miliardi di indennizzi diretti alle imprese a fondo perduto: 5 miliardi per la riconferma dei 600 euro che diventeranno 800 nella seconda mensilità, poi 10 miliardi a fondo perduto per le microimprese”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli a Quarta Repubblica su Rete 4, spiegando che si tratta di aiuti per “4 milioni e 600 mila imprese, il 96% delle imprese italiane”. L’Italia ha presentato una richiesta al Fondo di solidarietà europeo per il sostegno, per la pandemia da coronavirus. Lo annuncia un portavoce della Commissione Ue. A marzo l’Esecutivo comunitario aveva cambiato il mandato per ampliare lo scopo degli aiuti anche alle questioni che riguardano l’emergenza sanitaria. La Commissione Ue attende ulteriori domande e dal 24 giugno le valuterà come un pacchetto, per poi presentare gli aiuti finanziari al Parlamento e al Consiglio europeo.

L’Italia è il primo Paese a presentare domanda di aiuto finanziario al Fondo di solidarietà dell’Ue. Nella sua lettera Roma annuncia che i dettagli sulla richiesta di assistenza arriveranno nelle prossime settimane, spiega il portavoce. Il mandato del Fondo di solidarietà europeo, di solito dedicato all’assistenza in caso di disastri naturali, è stato ampliato per aiutare a finanziare le spese per aiuti sanitari. Le domande degli Stati membri possono essere presentate fino al 24 giugno, e la Commissione europea si “prenderà il tempo per un’analisi accurata” e per “fare in modo che la distribuzione degli aiuti” sia equilibrata. I tempi del finanziamento “realisticamente” sono dopo l’estate.

Norbert Ciuccariello

Articoli Correlati