PERSONAGGIԑ TOP NEWS

Il ricordo di Renè Favaloro, padre del bypass aortocoronarico

Era il maggio del 1967 quando il chirurgo argentino Renè Favaloro, nato il 12 luglio 1923, eseguì la sua prima operazione sull’arteria coronarica, usando un auto-innesto di vena safena per rimpiazzare un segmento stenotico di arteria coronarica destra. Da quel momento iniziò a usare la safena con un canale bypassante, e, nei suoi successivi tentativi, si limitò a bypassare l’arteria coronarica destra. Questi i ricordi menzionati dal padre del bypass aortocoronarico, in un articolo scritto per l’International Journal of Cardiology molti anni dopo. Al cardiochirurgo argentino di fama internazionale, e di origini siciliane, è stato dedicato un busto marmoreo a Leni (isola di Salina), collocato nella piazzetta antistante l’ambulatorio medico. Inoltre, a considerazione della notevole rilevanza scientifica e sociale dell’opera svolta da Favaloro in campo medico, i Comuni di Leni, Malfa, e Santa Marina Salina gli conferirono la cittadinanza onoraria nel 1999.

francobollo dedicato a René Favaloro

Il professore diresse la Divisione cardiochirurgia della Cleveland Clinic Foundation dal 1962 al 1971, realizzando e mettendo a punto la tecnica del by-pass aortocoronarico, e ricevendo, nel tempo, molte onorificenze, come il titolo di Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito, conferitogli nel 1991 dall’allora presidente della Repubblica Italiana Francesco Cossiga. Diresse, inoltre, l’Istituto di cardiologia e chirurgia cardiovascolare presso la Fondazione “Favaloro” di Buenos Aires fino al 29 luglio 2000, giorno della sua morte. Dopo aver scritto una lettera all’ex presidente della Repubblica argentina de la Rúa, infatti, criticando il sistema sanitario e senza denaro per la crisi del 2000 – situazione che lo portò a indebitarsi per la sua fondazione -, Renè Favaloro si suicidò nella sua casa di Buenos Aires, sparandosi al cuore.

il doodle di Google dedicato a René Gerónimo Favaloro (Google)

Inoltre nella giornata odierna Google ha deciso di omaggiare il cardiochirurgo argentino, di origine italiana, con un doodle speciale.

Simona Cocola

Loading...

Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.

Articoli Correlati