FATTIԑ PRIMO PIANO

La bellezza del coraggio. Buon compleanno Lucia Annibali

Da avvocato a deputato, la storia di Lucia Annibali, che oggi, 18 settembre, compie 42 anni, è una di quelle che spaventano e incoraggiano, al tempo stesso, a non arrendersi mai. Nel 2013 il suo nome figurava su tutti i giornali, poiché era stata sfregiata in volto con l’acido da Rubin Talaban, l’uomo che l’aggredì su commissione dell’ex fidanzato Luca Varani (condannato nel 2016, in via definitiva, a 20 anni di reclusione per tentato omicidio e stalking), e che alcuni mesi fa le ha inviato una lettera con la richiesta di perdonare il suo gesto. Era il 16 aprile, e da quel giorno la donna ne ha fatta di strada, piccoli e grandi passi, in un profondo dolore psicologico e fisico, accompagnato da numerosi interventi chirurgici per ricostruirle il volto. E Lucia oggi, dopo sei anni, ha perdonato, ma sottolinea sulla sua pagina Facebook: “Basta fare romanzi sui #femminicidi. Un uomo violento è un uomo violento. Non c’è altra narrazione possibile. Non ci sono però. La battaglia contro la #violenzasulledonne necessita di un profondo cambiamento culturale che passa anche da una corretta informazione. Basta con gli stereotipi e le letture che legittimano e giustificano la violenza di genere”.

copertina libro lucia annibali

Rientrava a casa Lucia Annibali la sera del 16 aprile 2013, quando un uomo spalancò la porta dall’interno, tirandole in faccia il liquido (“Si muove con la sicurezza di un animale che ha catturato la sua preda”, si legge nel libro). Aveva 36 anni: “Aiutatemi, vi prego aiutatemi. Qualcuno mi aiuti!. Mi dispero, le mie mani battono contro le porte dei vicini. Mentre corrode la pelle l’acido fa il rumore delle uova che friggono e la mia faccia, i miei occhi stanno ancora friggendo”. La soccorreranno alcuni vicini di casa, poi arriverà l’ambulanza, e lei, non perdendo mai conoscenza, parlerà a se stessa: “Sopporta quello che c’è da sopportare […]. Ti giuro che ce la farò […]. Questo viaggio, devi farlo da sola, Luci”.

Intervento di Lucia Annibali sulla Legittima difesa (5/3/2019). “Modificare allora la legge sulla legittima difesa senza restringere le regole e i controlli sulla detenzione delle armi, potrebbe comportare un pericolo maggiore di omicidi e di vittime nei settori più indifesi, in particolare le donne, uccise dal fuoco di ex mariti, compagni e familiari: quelle stesse donne che vogliono proteggere dalla violenza con il codice rosso e che poi rischiano di mettere in pericolo con la riforma della #legittima difesa”

In questi anni Lucia Annibali, è stata consigliera dell’ex ministra e sottosegretaria Maria Elena Boschi per quanto riguarda la lotta alla violenza di genere, è stata eletta alle Politiche del 2018 deputata tra le file del Partito Democratico nella circoscrizione Veneto 2, e ha scritto il libro “Io ci sono – La mia storia di non amore” insieme con la giornalista Giusi Fasano. Inoltre, il 21 novembre 2013 il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano le ha conferito l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana.

Simona Cocola

Loading...

Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.

Articoli Correlati