• CRONACHE

Luca Poniz è il nuovo presidente dell’Anm

ROMA. E’ il pm Luca Poniz il nuovo presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, organo di rappresentanza sindacale dei magistrati. Poniz fa parte di “Area“, corrente di centrosinistra della magistratura, e al suo fianco avrà Giuliano Caputo di “Unicost“, corrente più moderata, confermato nel ruolo di segretario. Un altro nuovo volto entra in giunta: si tratta di Cesare Bonamartini, di “Autonomia e indipendenza“, corrente più antica e considerata più a destra, a cui è stato affidato il ruolo di vicesegretario.

C’è una gigantesca questione morale che investe la magistratura e non per quel fango che è emerso dalle intercettazioni. Dobbiamo ripensare alla degenerazione del correntismo e del carrierismo, alle progressioni di carriere, si è creata una brama di carriera con magistrati che si sono costruiti appositi percorsi“. Lo ha affermato il neoeletto presidente dell’Anm, Luca Poniz, nel suo intervento al parlamentino dell’Anm dopo l’elezione.

Luca Poniz
L’ex presidente Anm Pasquale Grasso.

L’ex presidente Anm Pasquale Grasso, dopo aver ascoltato gli interventi dei rappresentanti dei gruppi, ha rassegnato le proprie dimissioni come già anticipato: “Vi ho ascoltato tutti. Vi comprendo, vi rispetto e vi ringrazio. Vi rispetto molto più di quanto abbiate dimostrato di rispettare me. Potrei osservare che le vostre considerazioni hanno deliberatamente trascurato la prospettiva cronologica degli avvenimenti. Potrei dolermi di convenienti fraintendimenti della mia condotta, vi ho ascoltato e compreso“. Queste le parole di Grasso, dalle quali traspare delusione e un briciolo di risentimento nei confronti dei colleghi. Il presidente dimissionario ha inoltre aggiunto: “Ovviamente rassegno le mie dimissioni. Lo faccio serenamente, dicendo no a me stesso. Nel ricordo di un grande intellettuale del passato, che ricordava che i moralisti dicono no agli altri, l’uomo morale dice no a se stesso“.

Norbert Ciuccariello

Tags

Articoli correlati