CRONACHEԑ TOP NEWS

Luca Tacchetto e la compagna canadese sono liberi, finalmente in Italia

ROMA. “In questo momento di difficoltà per il Paese arriva una buona notizia: il nostro connazionale Luca Tacchetto è libero. L’ho appena sentito al telefono e sta bene. Ho sentito anche il padre”. Lo scrive il ministro degli Esteri Luigi Di Maio postando una foto di Tacchetto e annunciandone la libertà dai sequestratori. “Grazie a tutti gli apparati dello Stato che hanno lavorato per riportarlo a casa. Continuiamo a dare il massimo ogni giorno. L’Italia va avanti, a testa alta”, scrive ancora il ministro.

È atterrato questa notte, all’aeroporto di Ciampino, Luca Tacchetto, sequestrato il 16 dicembre 2018 in Burkina Faso assieme alla compagna canadese Edith Blais. Lo riferisce la Farnesina. Ad attenderlo, tra gli altri, il capo dell’Unità di Crisi della Farnesina che è stata al fianco della famiglia negli ultimi 15 mesi.”Siamo stati trattati bene. Non ci hanno mai minacciato con le armi, mangiavamo tutti i giorni anche se poco. Il sequestro è stato messo in atto da un gruppo che si è autodefinito jihadista vicino ad Al Qaeda”. E’ quanto ha raccontato Luca Tacchetto al pm di Roma Sergio Colaiocco e ai carabinieri del Ros. Luca Tacchetto e la compagna Edith Blais sono riusciti a fuggire dai loro sequestratori a Kidal in Mali e hanno fermato un’auto che li ha condotti alla più vicina base dei caschi blu dell’Onu. E’ la ricostruzione fatta dal capo della missione Onu Minusma, nel Mali, Mahamat Saleh Annadif, in base ad alcune informazioni preliminari. I due giovani, vestiti da tuareg, “sono sicuramente riusciti a fuggire, sono stati prelevati da un veicolo civile che li ha portati al campo di Minusma”, ha detto il capo della missione Mahamat Saleh Annadif.

Norbert Ciuccariello

Articoli Correlati