ATTUALITA'ԑ TOP NEWS

L’Ue avvia procedura d’infrazione contro l’Italia per mancati rimborsi voli, treni e bus

Secondo la Commissione Ue i viaggiatori hanno diritto di poter chiedere un rimborso, mentre molte compagnie in Italia prevedevano solo l'erogazione di voucher.

La Commissione europea ha aperto una procedura di infrazione a carico dell’Italia e di altri Paesi sulle regole dei diritti dei passeggeri per i voli cancellati, che non prevedono il rimborso dei biglietti ma unicamente l’erogazione di voucher da riutilizzare per altri viaggi, in quanto le leggi europee prevedono che sia “diritto dei viaggiatori poter scegliere il rimborso” .

Secondo Bruxelles le regole approvate dal governo italiano risultano tra le più incompatibili con le direttive comunitarie, in quanto nel Belpaese la medesima prassi viene adottata dalle compagnie di trasporto ferroviarie e con autobus.

Nella medesima condizione si trova anche la Grecia, che come l’Italia ha ricevuto una lettera di costituzione in mora che costituisce la prima fase della procedura di infrazione delle norme Ue: “La ragione per la quale abbiamo lanciato una procedura di infrazione alla Grecia e all’Italia è perché questi Paesi hanno adottato delle legislazioni che permettono di offrire i voucher come solo metodo di rimborso, decisione che va contro il diritto dei passeggeri che hanno il diritto di scegliere il rimborso“.

mancati rimborsi voli Italia

Un portavoce della Commissione europea ha affermato che le legislazioni vigenti in questi due Paesi non permettono la scelta del rimborso e quindi l’avvio della procedura d’infrazione è stato un atto obbligato. I due Stati hanno a disposizione due mesi di tempo per rispondere.

Parallelamente, Bruxelles ha aperto procedure di infrazione su altri dieci Stati, tra cui si segnala ancora la presenza dell’Italia e della Grecia, inerente problemi analoghi su interi pacchetti vacanza in cui la possibilità di ottenere il rimborso, e quando è presente supera i tempi previsti dalle regole Ue. Questa procedura procedura riguarda anche Repubblica Ceca, Cipro, Francia, Croazia, Lituania, Polonia, Portogallo e Slovacchia.

Norbert Ciuccariello

Tags

Articoli Correlati