POLITICAԑ TOP NEWS

Matteo Renzi attacca Conte “Stai commettendo uno scandalo costituzionale “

ROMA. Si allarga il fronte del dissenso al premier Giuseppe Conte. A partire a testa bassa contro i “decreti” contiani è Matteo Renzi, leader di Italia Viva. Un attacco duro che fa comprendere quanto vasto e profondo sia lo sconcerto per la linea adottata dal governo giallofucsia sulla crisi derivata dal virus. “Un presidente del Consiglio non può con proprio decreto cambiare la Costituzione”. Lo ha detto Matteo Renzi al Tg5. “Meno male che c’è la liberta d’opinione”, ha aggiunto riferendosi alle parole di Conte. “Noi siamo dalla sua parte ma non può essere un atto personale del premier, non si può fare con un dpcm. E’ vero che la salute è importante ma è importante anche la liberta e non può esser messa in discussione da un premier senno’ questo costituisce un precedente”, ha aggiunto Renzi.

“Continuare a intervenire così sulle libertà costituzionali è sbagliato ed è pericoloso precedente. Non può esistere uno Stato etico che ti fa autocertificare se la tua relazione affettiva è stabile o saltuaria: se nessuno si indigna, abbiamo un problema. La libertà di movimento, la libertà religiosa e tutte le altre libertà non sono “consentite” da un governo: la libertà viene prima del governo. La libertà legittima il governo, non viceversa. Quando succede il contrario, sono tempi bui per tutti”, ha affermato Renzi

L’ultimo dpcm è “uno scandalo costituzionale”. Così il leader di Iv in una intervista a Repubblica. “Non possiamo – dice al Pd – calpestare i diritti costituzionali. Trasformiamolo in un decreto e portiamolo in Parlamento”. “E’ un errore politico, economico e costituzionale. Politico perché delega al comitato tecnico scientifico una scelta politica: contemperare i rischi”. Così “in autunno ci sarà una carneficina di posti di lavoro”. La mancata regionalizzazione della Fase 2 “è una scelta sbagliata”.

Norbert Ciuccariello

Articoli Correlati