CULTURAԑ PRIMO PIANO

Milo Manara festeggia i suoi 74 anni tra aste e mostre

In questo momento le sue creazioni ineguagliabili sono in mostra a Ravenna, arricchiranno il prossimo Festival del Fumetto di Lugano, mentre opere inedite inaugureranno il vernissage di questa sera, 12 settembre, per l’asta del Fumetto di Milano organizzata da Christie’s e Huberty & Breyne Expertise. Sono 74 gli anni che Milo Manara, nato in un piccolo paese di montagna in provincia di Bolzano il 12 settembre 1945, festeggia oggi. È lontano il tempo in cui frequentava il liceo artistico per trasferirsi poi a Verona, lavorando come assistente del noto scultore spagnolo Miguel Ortiz Berrocal e, contemporaneamente, iscrivendosi alla Facoltà di Architettura a Venezia.

fumetto con donna milo manara

Contestatore nel ’68 della Biennale di Venezia, vive nel periodo della Pop Art e delle neoavanguardie artistiche che vanno cambiando l’arte, e gli fanno scoprire il mondo del fumetto, da cui era attratto fin da bambino, prendendo spunto dalle novità francesi di quegli anni, tra cui “Barbarella” di Forest. È un avvicinarsi alla cultura di massa, il suo, proprio attraverso il fumetto, che lo porterà alla fine degli Anni Sessanta a conoscere l’editore Furio Viano, il quale gli darà la possibilità di debuttare come autore di storie erotico-poliziesche sulla collana “Genius”. Da qui in poi il successo di Milo Manara non farà che crescere, con il personaggio “HP”, personificazione del suo mentore Hugo Pratt, la “Storia d’Italia a fumetti” di Enzo Biagi, e “Il Gioco” per la rivista Playmen, una storia ad alta densità erotica che gli darà notorietà a livello mondiale.

fumetto fellini milo manara

La produzione erotica, soprattutto, è il suo cavallo vincente. Nel tempo Manara lavora con grandi nomi, come il regista italiano Federico Fellini, per cui trasforma un suo testo nel fumetto “Viaggio a Tulum”, illustra un libro di racconti di Pedro Almodovar, e anche la raccolta di racconti di erotismo e fantascienza “Fantasex”. La Marvel Comics gli commissiona un lavoro in coppia con Chris Claremont, da cui nasce una storia degli “X-Men: Ragazze in fuga”, proseguendo la collaborazione. E ancora, tra gli altri, Manara realizza “46”, una storia a fumetti sul pilota Valentino Rossi, oltre al fumetto sulla casata Borgia, le illustrazioni per la rivista “Ciak”, le cover per i dischi di Lucio Dalla, Enzo Avitabile, Riccardo Cocciante (e molti altri), e alcuni manifesti per spettacoli teatrali.

caravaggio milo manara

Dopo numerosi premi e riconoscimenti internazionali, nel 2009 l’Accademia di Belle Arti di Macerata gli conferisce il titolo accademico “Honoris Causa”. Nel 2015 pubblica per Panini Comics il primo volume di un progetto fortemente ambizioso e di successo legato alla figura del Caravaggio intitolato “La tavolozza e la spada”, e nel 2019 la seconda parte dell’opera, intitolata “La Grazia”.

Simona Cocola

Loading...

Simona Cocola

Giornalista pubblicista torinese, ha iniziato a collaborare per la carta stampata nei primi anni dell'università, continuando a scrivere, fino a oggi, per diverse testate locali. Ha inoltre lavorato in una redazione televisiva, in uffici stampa, ha ideato una rubrica radiofonica, ed è autrice di due romanzi.

Articoli Correlati

Ti potrebbe interessare

Close