• 31 Gennaio 2023
  • SANITA'

Monitoraggio Covid, Iss: sale l’Rt, in discesa incidenza e ricoveri

L’indice Rt passa da 0,83 a 0,91 ma rimane sempre sotto la soglia epidemica di 1,11

Questa settimana il consueto monitoraggio settimanale effettuato da Iss-Ministero della Salute conferma una sostanziale situazione di stabilità della curva epidemica sul fronte Covid. In Italia si registra un calo dell’incidenza settimanale e dei ricoveri. L’unico dato in aumento è quello relativo all’Rt medio.

Nella settimana dal 6 gennaio al 12 gennaio 2023 l’incidenza è di 143 ogni 100mila abitanti, in netta diminuzione rispetto a 231 ogni 100mila abitanti della settimana precedente.

Rt medio unico dato in aumento

Nel periodo 21 dicembre 2022 al 03 gennaio 2023, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è invece stato pari a 0,91 (range 0,77-1,11), in aumento rispetto alla settimana precedente (0,83) ma sotto la soglia epidemica. Mentre l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è in diminuzione e rimane sotto la soglia epidemica: Rt=0,80 (0,78-0,84) al 3 gennaio 2023 contro Rt=0,90 (0,86-0,94) al 27 dicembre 2022.

Il monitoraggio Covid mostra un miglioramento della situazione negli ospedali

Per quanto riguarda la situazione negli ospedali il tasso di occupazione in terapia intensiva è in leggero calo al 3,1% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 12 gennaio) contro il 3,2% della settimana scorsa (rilevazione al 5 gennaio). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende in maniera più rilevante al 10,1% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 12 gennaio) rispetto al 12,1% di sette giorni prima (rilevazione al 5 gennaio).

Nessuna Regione e PA a rischio alto, 7 a rischio moderato

Nessuna regione e provincia autonoma è classificata a rischio alto. Sette sono a rischio moderato e quattordici classificate a rischio basso. Nove regioni riportano almeno una allerta di resilienza e due Regioni riportano molteplici allerte di resilienza.

Torna alla homepage per leggere altre interessanti notizie

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati