CRONACHEԑ TOP NEWS

Neonato morto a 20 giorni: aveva una broncopolmonite

TORINO. C’è una svolta nelle indagini sul tragico caso del piccolo Giacinto, il bimbo di venti giorni morto lo scorso 2 febbraio dopo le dimissioni dall’ospedale Maria Vittoria a Torino. Il bambino, secondo quanto affermato dai due medici legali incaricati dal pm Alessandro Aghemo di far luce sulle cause del decesso, aveva già da alcuni giorni una broncopolmonite. È quanto si è appreso in ambienti vicini a Palazzo di Giustizia.

Dopo la morte del piccolo era stata aperta un’inchiesta per omicidio colposo a carico di ignoti. A quanto ricostruito, il bambino era stato portato il 31 gennaio scorso in ospedale dai genitori. Secondo quanto ricostruito dai familiari, il piccolo faticava a respirare, aveva forti attacchi di tosse e svenimenti e dormiva praticamente tutto il giorno. Dopo essersi rivolti al pediatra, la notte del 31 gennaio lo avevano portato al pronto soccorso. Lì i medici del Maria Vittoria, dopo una visita, lo avevano dimesso con la diagnosi di una rinite prescrivendo un trattamento con l’aerosol.

Come detto, secondo i due consulenti del pm, Giacinto era in preda a una broncopolmonite acuta da virus sinciziale già da alcuni giorni. Per verificare la sussistenza di eventuali responsabilità da parte dei sanitari saranno necessari altri accertamenti. I genitori di Giacinto, in qualità di “persone offese”, sono assistiti dagli avvocati Enzo Pellegrin e Federico Milano.

Loading...

Articoli Correlati