SPORTԑ TOP NEWS

Quadarella campionessa del mondo e record italiano nei 1500 stile libero

Simona Quadarella si laurea campionessa del mondo nei 1500 stile libero e stabilisce il nuovo record italiano dieci anni dopo un’altra romana, Alessia Filippi, a cui chiedeva autografi al Foro Italico durante il mondiale nella capitale. Un risultato eccezionale che permette alla nuotatrice di entrare nell’olimpo delle atlete iridate della storia azzurra, insieme a Novella Calligaris, Federica Pellegrini e Alessia Filippi. Inoltre il 15’40”89 rappresenta il quarto tempo di sempre nella storia di questa disciplina e rifila oltre 14 secondi al precedente record italiano (15’544”93).

Nella finale la nuotatrice azzurra ha avuto la meglio sulla tedesca Sarah Kohler giunta a 15’48”83, mentre il bronzo se l’è aggiudicato la cinese Jianjiahe Wang con il tempo di 15’51”00. La nuova campionessa mondiale dei 1500 sarà una delle più serie candidate alla vittoria dell’oro alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020, discilpina che debutterà per la prima volta nella storia della competizione.

  • quadarella campionessa del mondo
  • quadarella campionessa del mondo

Raggiante di gioia l’allenatore Christian Minotti: “Oro inaspettato alla vigilia perché si sono incastrate una serie di situazioni che è inutile negare. Ledecky non era in condizione, ha rinunciato alla finale e noi ne abbiamo approfittato. L’avversario più temibile era proprio la pressione perché avendo davanti la statunitense avremmo impostato una gara in scia fino agli 800-1000 metri per poi provare a prenderla. Invece saremmo dovuti essere noi a dettare i tempi e impostarla e abbiamo dimostrato di essere i più forti. Simona ha voluto subito imporre un ritmo elevato, è stata brava; le avevo detto che ci sarebbe voluto almeno 15’40 per vincere e lei mi ha seguito alla lettera. Godiamoci il momento, poi penseremo agli 800 e da settembre alle Olimpiadi. Siamo tra i più forti al mondo, in questo momento siamo i migliori, ma bisogna continuare a lavorare con serietà, restare coi piedi per terra perché ci aspetteranno tutti a Tokyo“.

Carlo Saccomando

Loading...

Articoli Correlati