• 9 Dicembre 2021
  • DAL MONDO

Regno Unito: la variante AY.4.2 si sta espandendo

La nuova variante Covid denominata AY.4.2 che pare derivi a sua volta dalla variante Delta, si sta diffondendo in Inghilterra creando preoccupazione. Gli esperti minimizzano la sua contagiosità e individuano altri fattori come responsabili della diffusione del virus

The Guardian scrive che un rapporto dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito, annuncia che la nuova variante, denominata AY.4.2 si sta espandendo.

Il rapporto afferma che nella settimana dal  27 settembre, AY.4.2 rappresentava circa il 6% dei casi di coronavirus ed è “su una traiettoria crescente”. Il nuovo ceppo del virus contiene due mutazioni della proteina spike. La proteina spike si trova all’esterno del coronavirus e aiuta il virus a entrare nelle cellule.

Gli esperti inglesi tranquillizzano sulla pericolosità di AY.4.2

The Guardian cita Ravi Gupta, professore di microbiologia clinica presso l’Università di Cambridge, al quotidiano inglese ha dichiarato che queste mutazioni non destano particolare preoccupazione. Gupta ha aggiunto che mutazioni simili erano state osservate nella variante Alpha e in altre varianti. Gupta ha affermato che l’effetto è stato, al massimo, modesto.

In passato, le nuove varianti Covid hanno determinato grande incremento nel numero di casi. La variante Alpha ha svolto un ruolo chiave nell’aumento dei casi lo scorso inverno, mentre la variante Delta ha portato a forti aumenti in primavera.

I casi giornalieri di Covid in Inghilterra sono di nuovo in aumento: sabato sono stati segnalati 39.624 nuovi casi, il dato più alto dalla fine di luglio. Secondo il dottor Jeffrey Barrett, direttore della Covid-19 Genomics Initiative e il professor Francois Balloux, direttore dell’University College London Genetics Institute, AY.4.2 potrebbe avere un tasso di contagiosità del 10 -15% in più rispetto alla variante Delta originale.

L’aumento dei casi non è dovuto al tipo di variante ma ai bambini non vaccinati

Balloux ha detto al Guardian che è improbabile che la nuova variante sia alla base del recente aumento dei casi.
La sua potenziale maggiore trasmissibilità potrebbe in questa fase spiegare solo una piccola frazione di casi aggiuntivi”, ha affermato. “Si tratta di una frequenza di circa il 10% [ora], e supponendo che possa essere del 10% in più trasmissibile, ciò spiegherebbe solo un ulteriore 1% di infezioni in più ogni cinque giorni circa“.

Gupta ha individuato una serie di altri fattori importanti per la diffusione del virus, tra cui il contagio tra i bambini. Secondo i dati ufficiali, i tassi di vaccinazione tra i 12 ei 15 anni erano circa tre volte inferiori in Inghilterra rispetto alla Scozia.

Non dovremmo incolpare il virus per quello che sta succedendo nel Regno Unito”, ha detto Gupta. “Non siamo fondamentalmente riusciti a controllare la trasmissione. Questo perché i bambini non sono stati vaccinati, sono tornati a scuola, si stanno infettando tra loro e successivamente le loro famiglie“. Ma il virus in ogni caso buca i vaccini, quindi i vaccini proteggono parzialmente dal virus non è una protezione completa”, ha aggiunto il professore. “Quindi il messaggio deve essere, smettiamola di preoccuparci delle mutazioni e preoccupiamoci del fatto che abbiamo una trasmissione incontrollata nel Regno Unito“. L‘ente per la sicurezza sanitaria fa sapere che la variante è in fase di monitoraggio e valutazione.

Tags

Valentina Roselli

Laureata in Scienze Politiche, giornalista, ha iniziato come cronista per importanti testate nazionali e locali, ha collaborato con alcuni periodici di attualità occupandosi di politica ed è stata direttrice editoriale del quotidiano "Notizie Nazionali". Negli ultimi anni ha lavorato come ghostwriter e ha collaborato ad inchieste giornalistiche di attualità per radio e tv online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati