ATTUALITA'ԑ PRIMO PIANOԑ SICILIA

Rintracciati 125 dei 184 migranti fuggiti dal Cara Caltanissetta

Duro il commento da parte del governatore Nello Musimeci: "Pretendo rispetto per la Sicilia, non può essere trattata come una colonia."

Sono stati rintracciati e riportati al Cara di Pian del Lago di Caltanissetta 125 dei 184 migranti che domenica erano fuggiti dal centro di accoglienza per i richiedenti asilo. I migranti erano obbligati a rispettare la quarantena, ma ieri intornoalle 18, hanno iniziato una fuga di massa. Le forze dell’ordine hanno lavorato tutta la notte per rintracciarli e stanno continuando le ricerche. Molti migranti sono fuggiti scalzi tra le campagne.

Il sindaco di Caltanissetta, Roberto Gambino, in una nota inviata all’attenzione del ministro degli Interni Luciana Lamorgese, ha chiesto al governo che non vengano più inviati migranti nella struttura in provincia di Caltanissetta: “Pian Del Lago non è in grado di contenerli perché evidentemente non è una struttura idonea. Pretendo che non venga più nessuno a Caltanissetta e che il Cara venga svuotato da chi è in i quarantena. Ringraziamo le forze dell’ordine per aver rintracciato più di 100 migranti ma rimango dell’opinione che non possano stare qui.”

migranti caltanissetta fuggiti

Sulla fuga è intervenuto anche il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, che su Facebook ha attaccato duramente l’operato del governo sul tema della gestione del fenomeno migratorio: “Avrete già letto dei 100 migranti scappati a Caltanissetta. Si aggiungono ai tunisini scappati a Pantelleria e a quelli evasi dall’hotspot di Pozzallo, i quali, a loro volta, si sommano a tutti gli altri. Nessuno dica che è responsabilità delle forze dell’ordine: fanno tutto quello che possono e siamo loro grati. È semplicemente sbagliato che si faccia finta di nulla da parte del governo di Roma e che si dica che ‘tutto va bene‘.

Pretendo rispetto per la Sicilia, – conclude Musumeci – non può essere trattata come una colonia. Abbiamo dato disponibilità e chiediamo reciprocità, ma vediamo che nella gestione del fenomeno migratorio c’è troppa improvvisazione e superficialità“.

Intanto Alarm Phone denuncia la presenza di un’imbarcazione ferma nel Mediterraneo, a Largo di Lampedusa, con a bordo 140 persone che attendono soccorsi da ieri . Avevano lanciato l’S.O.S. con scritto ‘stiamo morendo‘. Uno dei migranti sarebbe morto annegato.

Carlo Saccomando

Tags

Articoli Correlati