CRONACHEԑ TOP NEWS

Sardine, galeotto fu incontro con Benetton e Toscani

Sale la polemica intorno al movimento delle Sardine dopo la diffusione della foto fatta a Fabrica, in visita dalla famiglia Benetton, in compagnia di Oliviero Toscani. L’immagine in men che non si dica fa il giro del web e il mondo della politica insorge.

Tra i più agguerriti gli esponenti del M5s, che attaccano con il viceministro pentastellato al Mise Stefano Buffagni che afferma “Vanno in pellegrinaggio dai Benetton. Noi certi mondi li abbiamo sempre combattuti“. Mentre il portavoce del MoVimento alla Camera, Michele Gubitosa tuona: “Le sardine vanno a braccetto con i Benetton! È questa la farsa di bipolarismo che qualcuno auspica? Fanno finta di attaccarsi su cose futili, ma poi sui grandi temi sono tutti al servizio delle lobby.

Ma i leader delle Sardine si difendono con un lungo post su Facebook che in sintesi afferma: “Una foto non fa primavera. Era solo una visita a un centro di formazione per giovani comunicatori. Non abbiamo pensato che quella foto sarebbe stata strumentalizzata per associarci ai poteri forti“. 

sardine benetton
(Twitter)

A detta del movimento Fabrica è “un luogo suggestivo dove i concetti di comunicazione, creatività e innovazione si intrecciano con temi delicati quali immigrazione, HIV e violenza di genere. Uno spazio creato appositamente per stimolare il pensiero alternativo e il rinnovamento culturale in un paese come l’Italia, spesso attaccato per la sua staticità.” La visita era stata organizzata su invito di Oliviero Toscani.

Il post si conclude con queste parole: “Ci dispiace per tutte le sardine che in queste ore hanno dovuto rispondere ad attacchi che nulla hanno a che vedere con lo spirito di questo incontro.

Vignetta satirica di Mario Improta (Twitter)

Se da Matteo Salvini e Vito Crimi, rispettivamente leader della Lega il primo e capo politico M5s il secondo, repliche piccate non si sono fatte attendere da Giorgia Meloni e Giovanni Toti. La leader di Fratelli d’Italia ha affermato: “Le sardine alla corte di Luciano Benetton, capo della famiglia che controlla Atlantia e Autostrade. Finisce nel ridicolo la favola del ‘movimento’ popolare, spontaneo e alternativo ai poteri forti“. 

Pesanti critiche sono arrivate anche dal governatore della Liguria Toti, che ha scritto su Facebook: “Sarà divertente il momento in cui il M5s farà l’alleanza con il Pd e le sardine in Liguria. Oltre a tutte le abissali diversità che li caratterizzano, si troveranno davanti anche questa foto delle sorridenti sardine in posa… con il signor Benetton! Sì sì proprio il capo della famiglia che controlla Autostrade e Atlantia, al centro del dibattito sulla revoca delle concessioni. Finanzierà la loro campagna elettorale annunciati (anche se vanno int reno)? Tranquilli, non sono diventato grillino. Non voglio pensar male solo per una foto“. 

Articoli Correlati